Lunedì 18 Novembre 2019
Incontro tra Comune, Istituto e Città metropolitana. Lavori da affidare entro un anno


Ok al progetto del nuovo Liceo scientifico di S. Teresa: il Classico rimane fuori

di Andrea Rifatto | 24/11/2017 | ATTUALITÀ

1636 Lettori unici | Commenti 5

Lipari, Lo Giudice, Calanna e Lombardo

Il progetto, al netto di piccole modifiche, risponde alle esigenze dell’istituzione scolastica e si dovrà adesso rispettare il termine di 12 mesi imposto dal Ministero dell’Istruzione per arrivare all’aggiudicazione dei lavori. È l’estrema sintesi dell’incontro tecnico svoltosi ieri in Municipio a S. Teresa di Riva per analizzare il progetto di costruzione del nuovo Liceo scientifico, finanziato dal Miur con un contributo di 6,3 milioni di euro destinato alla Città metropolitana, ente che ha competenza in materia di edilizia scolastica superiore e che in questi anni ha presentato le istanze di finanziamento riuscendo adesso ad accedere ai fondi che consentiranno la costruzione del nuovo edificio scolastico nel quartiere Bucalo. Al tavolo erano presenti il sindaco Danilo Lo Giudice, la vice Annalisa Miano, alcuni consiglieri comunali, il commissario della Città metropolitana Francesco Calanna, la dirigente dell’Istituto “Caminiti-Trimarchi” Carmela Lipari (con i docenti collaboratori Carmelo Ucchino e Tiberio Lombardo), il geometra Nuccio Miceli del Servizio Edilizia Scolastica della Città metropolitana, il dirigente dell’Ufficio tecnico comunale Francesco Pagano e l’ex consigliere provinciale Giuseppe Lombardo. “Un incontro in contraddittorio con la dirigente soprattutto per verificare la giustezza e la corretta caratura dell’elaborato esecutivo rispetto alle richieste dell’Istituto – ha sottolineato il commissario Calanna – per poter proseguire nell’iter procedurale che stabilisce l’affidamento dei lavori entro il 13 novembre 2018, in un rapporto di reciproca collaborazione con il Comune di S. Teresa”. “Rispetto a quanto avevamo avuto modo di vedere in passato, riteniamo che adesso il progetto sia adeguato alle nuove esigenze dello Scientifico – ha detto la dirigente Lipari – e magari in futuro si potrà intervenire con una variante o un ampliamento per ricavare gli spazi anche per il Classico”. Che rimarrà dunque  nell’edificio di piazza Municipio. “Riusciremo tranquillamente a soddisfare le esigenze sia del Liceo Scientifico che del Classico, con laboratori, aule speciali, aula magna e spazi ampi che daranno finalmente ai nostri studenti là possibilità di avere un Istituto moderno e all’avanguardia” – ha sostenuto invece il primo cittadino di S. Teresa.

L’elaborato redatto dall’ex Provincia prevede 15 aule didattiche e 11 aule speciali, oltre a 5 laboratori a basso rischio, 2 locali per presidenza e segreteria, una sala professori, una zona ristoro, locale archivio, sei locali/presidi dei collaboratori scolastici, servizi igienici ai vari livelli e locali tecnici antincendio. Lo Scientifico avrà bisogno di non meno di 20 classi per gli studenti e dunque anche recuperando spazi per la didattica in quelle speciali non ci sarà posto per il Classico, che attualmente occupa 11 classi nel plesso al centro del paese. Al vaglio anche l’ipotesi che in futuro, nell’area dove dovrebbe sorgere la palestra dell’istituto, si progetti invece una nuova ala da destinare al Classico, visto che esiste già a pochi metri la palestra comunale che potrà essere usata anche dagli studenti. Il progetto esecutivo dovrà adesso essere aggiornato dalla Città metropolitana alle ultime normative in materia di appalti pubblici e si spera che ad inizio 2019 possano partire i lavori, che da crono programma avranno una durata di 540 giorni. Se tutto filerà liscio il nuovo Liceo scientifico di S. Teresa sarà quindi fruibile dalla seconda metà del 2020.

Più informazioni: nuovo liceo santa teresa  


COMMENTI

Pippo Sturiale | il 24/11/2017 alle 14:05:54

Se si calcolano i solai del corpo centrale e dell'impianto sportivo, sarà possibile una sopraelevazione (al livello dell'altro corpo) e allocare i due licei. Altrimenti occorrerà ristrutturare i locali di piazza municipiio per ripristinare la funzionalità delle aule per il liceo classico.

Ernesto | il 24/11/2017 alle 19:09:01

Non c’è necessità di nessuna modifica.Come ha dichiarato il sindaco in più occasioni entrambi i Licei troveranno spazio nella nuova struttura.

Andrea Rifatto | il 24/11/2017 alle 19:33:03

La struttura potrà ospitare alla sua apertura solo il Liceo Scientifico, come confermato dal commissario della Città metropolitana e dalla dirigente dell'Istituto "Caminiti-Trimarchi".

Pippo Sturiale | il 24/11/2017 alle 20:23:23

Ernesto, non parlo per schieramento! Prima di dire qualcosa, sono solito informarmi! Tra l'altro ho lavorato presso i due licei e conosco la questione: non si è sopraelevato l'immobile di piazza municipio perché mancavano dati certi. Pertanto si stia attenti e si ricalcolino i solai di cui parlavo perché non siano solo copertura, ma possano sostenere un altro piano!

Rossana M. | il 24/11/2017 alle 20:49:07

Nessuno fa riferimento al fatto che dovrebbe sorgere in una zona alluvionale e che ci sono stati diversi pareri sfavorevoli a questo riguardo

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.