Venerdì 18 Ottobre 2019
Sopralluoghi a S. Teresa, S. Alessio, Nizza e Alì Terme per una migliore viabilità


Passerelle Ss 114, i sindaci chiedono maggiore sicurezza per veicoli e pedoni

di Andrea Rifatto | 27/09/2018 | ATTUALITÀ

1567 Lettori unici

Il sopralluogo tra S. Teresa e S. Alessio

Giornata di incontri quella di ieri tra i sindaci e i dirigenti dell’Anas per toccare con mano le problematiche segnalate dagli amministratori sulle passerelle dei torrenti Agrò, tra S. Teresa e S. Alessio e Fiumedinisi, tra Alì Terme e Nizza e trovare soluzioni che possano agevolare la circolazione di veicoli e pedoni. La prima tappa del caponucleo Anas Maurizio Ragazzi e del capocentro Cristiano Fogliano è stata S. Teresa, dove si sono presentati il sindaco di casa Danilo Lo Giudice e il collega di S. Alessio Giovanni Foti, con assessori, consiglieri, tecnici comunali e vigili urbani. La prima questione affrontata è stata quella della realizzazione di una rotatoria prima dell’imbocco della passerella, all’incrocio tra le vie torrente Agrò e piazza Stracuzzi, chiesta dall’Amministrazione comunale santateresina per ridurre i rischi alla circolazione in un incrocio dove si sono verificati già una decina di incidenti, visto che è molto trafficato. Anas ha chiesto al Comune la planimetria della zona e valuterà se ciò sia fattibile, mediante il posizionamento di new jersey provvisori in plastica a delimitazione della rotonda. Particolare attenzione è stata poi prestata alla realizzazione di un impianto di illuminazione lungo la passerella e all’ingresso di S. Alessio, ossia nei tratti attualmente al buio dove sono più alti i rischi per le auto e i pedoni, soprattutto nei punti non protetti dove i passanti cono costretti a transitare a ridosso della carreggiata. I tecnici Anas, con il supporto dell’ing. Fabrizio Di Mauro, specializzato nel campo, hanno studiato dove poter posizionare proiettori o plafoniere stradali, da alimentare con le reti elettriche comunali o con sistemi fotovoltaici ed effettueranno i dovuti calcoli per dimensionare l’impianto. Il sindaco Foti ha chiesto particolare attenzione alla protezione dei pedoni sul lato alessese, soprattutto nei tratti in curva, ricevendo rassicurazioni sull’installazione di barriere mobili. 

Sulla passerella del Fiumedinisi, dove ad attendere Ragazzi e Fogliano c’erano i sindaci di Nizza Piero Briguglio e Alì Terme Carlo Giaquinta, sono state effettuate le stesse valutazioni per quanto riguarda l’illuminazione della strada. Sul lato nizzardo Briguglio ha chiesto la realizzazione di una minirotatoria all’incrocio tra il lungomare e via IV Aprile, così come gli amministratori aliesi hanno evidenziato la necessità di pulire i percorsi pedonali, pieni di rifiuti. Visionata anche la situazione del ponte Fiumedinisi per quanto concerne il rischio di caduta calcinacci sulla sottostante strada che da Nizza conduce alla Provinciale per Fiumedinisi, contro la quale i sindaci hanno chiesto l’installazione di reti di contenimento. Tutte richieste di cui i tecnici Anas presenti ieri hanno preso nota e valuteranno adesso insieme ai loro superiori per deciderne la fattibilità. Intanto ieri sul letto del Fiumedinisi una ruspa ha iniziato la pulizia delle canne sottostanti la passerella per liberarle dai detriti e consentire in caso di piogge il corretto defluire delle acque verso mare. Lo stesso intervento verrà eseguito nei prossimi giorni sotto la struttura di attraversamento dell’Agrò.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.