Sabato 20 Luglio 2019
Decisione dell'Anas in seguito ai monitoraggi sull'infrastruttura della Statale 114


Ponte Agrò, divieto di transito anche per gli autobus. La passerella aprirà ad aprile

di Redazione | 23/03/2017 | ATTUALITÀ

4859 Lettori unici | Commenti 1

Divieto in vigore per autobus e mezzi superiori a 3,5 t

L'Anas ha reso noto oggi che è stato esteso anche agli autobus il divieto di transito già in vigore, per tutti gli automezzi eccedenti le 3,5 tonnellate, sul ponte Agrò della Strada statale 114 “Orientale Sicula”, tra Santa Teresa di Riva e Sant’Alessio Siculo. Il provvedimento è stato ritenuto necessario in seguito ai periodici monitoraggi effettuati sull’infrastruttura. Da oggi, dunque, anche i mezzi del trasporto pubblico e quelli turistici saranno costretti a utilizzare l'autostrada A18 Messina-Catania tra gli svincoli di Taormina e Roccalumera e ciò comporterà di conseguenza un allungamento dei tempi di percorrenza con ritardi per i viaggiatori.

L’ente gestore dell’arteria comunica ha reso noto inoltre che nel prossimo mese di aprile verrà aperta al traffico la passerella provvisoria realizzata nel torrente Agrò, a valle dell’attuale tracciato, e ciò consentirà di avviare i lavori di demolizione e ricostruzione del ponte. I lavori di costruzione della passerella sono stati ultimati da alcuni mesi ma rimane da completare l'innesto sul lato Sant'Alessio, dove è necessario asfaltare un tratto della strada di collegamento tra il torrente e la Sp 12. Anas raccomanda prudenza nella guida e ricorda che levoluzione della situazione del traffico in tempo reale è consultabile sul sito web www.stradeanas.it oppure su tutti gli smartphone e i tablet, grazie all`applicazione "VAI Anas Plus", disponibile gratuitamente in “App store” e in “Play store”. Inoltre si ricorda che il servizio clienti "Pronto Anas" è raggiungibile chiamando il nuovo numero verde, gratuito, 800 841 148.

Più informazioni: ponte agrò  


COMMENTI

Pippo Sturiale | il 24/03/2017 alle 19:13:55

Ma, se non sono state fatte nuove prove di carico, in cosa consistono i "periodici monitoraggi effettuati sull’infrastruttura" in seguito ai quali si è deciso questa limitazione, che penalizza la comunità influendo sulla qualità della vita quotidiana? Qualcuno si è svegliatò all'improvviso, guarda caso quando la stagione turistica sta per iniziare, per dare un bel colpo alla nostra fragile economia. Io spero sempre che si rinsavisca e che il ponte sia buttato giù e rifatto a tempo di record ... ma non sarerbbe male in occasione del summit di Taormina far sentire in maniera eclatante la voce della riviera jonica che ha un viabilità peggiore del terzo mondo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.