Venerdì 18 Ottobre 2019
Incontro con Anas per chiedere migliorie sulle passerelle. Difficili altre soluzioni


Ponti chiusi sulla Ss 114, i sindaci temono l'isolamento e invocano il prefetto

di Andrea Rifatto | 22/09/2018 | ATTUALITÀ

1689 Lettori unici

La riunione ad Alì Terme

Piccoli interventi per garantire maggiore sicurezza e ridurre i disagi agli automobilisti ma anche azioni da intraprendere in caso di maltempo per scongiurare il rischio di isolamento dei territori. Si è discusso di questo ieri mattina nel corso di un incontro nel municipio di Alì Terme tra i sindaci e i vertici dell’Anas dopo la chiusura dei ponti Fiumedinisi (tra Alì Terme e Nizza) e Agrò (tra S. Teresa e S. Alessio) sulla Strada statale 114. Al tavolo i primi cittadini Carlo Giaquinta (Alì Terme), Piero Briguglio (Nizza), Giovanni De Luca (Fiumedinisi) e Danilo Lo Giudice (S. Teresa); assenti gli amministratori di Sant'Alessio, mentre per l’ente gestore della Ss 114 sono intervenuti gli ingegneri Barbara Di Franco, responsabile Area Compartimentale Anas di Catania e Cristiano Fogliano, capocentro di Messina. I sindaci, rassegnatisi al fatto che ormai non vi è alcuna possibilità di riaprire i viadotti sbarrati dal 4 settembre per problemi statici, hanno comunque fatto presente come le chiusure creino disagi alle popolazioni e al tessuto commerciale e imprenditoriale, per poi chiedere ad Anas di attivarsi per il miglioramento della segnaletica all’ingresso e uscita delle passerelle, con possibilità di realizzare delle rotonde; la messa in sicurezza delle parti sottostanti i ponti per evitare cadute di calcinacci e il miglioramento dell’illuminazione. Anas si è detta disponibile ad effettuare gli interventi e mercoledì 26 sarà effettuato un sopralluogo per definirli nel dettaglio. “Avere la certezza che le strade che passano sotto i ponti siano sicure è per noi fondamentale – ha evidenziato Giaquinta – ad esempio ad Alì Terme esistono delle strade rurali che se il ponte non è sicurezza sarei stato costretto a chiudere, con danni agli agricoltori impegnati in questi giorni nella raccolta dei limoni”.

Ma il vero nodo è un altro, ossia il rischio isolamento. Cosa succederà in caso di maltempo e con i torrenti in piena, che costringeranno alla chiusura delle passerelle? Senza conare che Alì Terme potrebbe trovarsi in una morsa per il rischio frane a Capo Alì. Per Anas la soluzione, da qui ai prossimi due anni ossia fin quando si concluderanno i lavori di demolizione e ricostruzione dei due ponti, è l’autostrada A18 ma i sindaci sono ovviamente spaventati da questa eventualità: “Per questo abbiamo chiesto al prefetto di convocare con urgenza una conferenza di servizi, perché servono alternative e non siamo sufficienti noi sindaci e Anas – ha rimarcato Carlo Giaquinta – bisogna coinvolgere anche Prefettura e Protezione civile”. Ma di soluzioni e viabilità alternatva, oltre le passerelle e l'autostrada, difficilmente se ne troveranno. 


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.