Venerdì 06 Dicembre 2019
Si discuterà di legislazione vigente e proposte di stabilizzazione presentate


Precariato negli Enti locali, a Roccalumera convegno dell’Usb

17/10/2017 | ATTUALITÀ

878 Lettori unici

Il precariato pubblico degli Enti Locali e istituzionali della Regione siciliana sarà il tema di un convegno organizzato dall’Unione sindacale di base per venerdì 20 ottobre, alle ore 16, all’Antica Filanda di Roccalumera. Nel corso dell’incontro si discuterà delle azioni di tutela nei confronti degli abusi del rapporto di lavoro a termine nella Pa siciliana, della legislazione comunitaria vigente in materia di lavoro a tempo determinato, del reclamo collettivo presentato da Isb alla Cedu, della specifica normativa siciliana e degli abusi subiti dai lavoratori precari. Al centro del convegno le proposte di stabilizzazione presentate alla politica regionale, ossia: la legislazione siciliana in materia di rapporti di lavoro precario, la stabilizzazione prevista dalla normativa nazionale vigente e la disciplina comunitaria applicata negli Stati membri dell’Unione europea in materia di lavoro a termine nel pubblico impiego; le possibili conseguenze del contenzioso del lavoro di massa nei confronti dello Stato italiano e della Regione Siciliana per l’abuso di contratti a termine nel pubblico impiego, alla luce della legislazione europea e della giurisprudenza comunitaria vigenti in materia.

Il convegno verrà introdotto dall’assessore Sebastiano Foscolo, seguirà il confronto e dibattito sugli argomenti trattati. Interverranno l’avvocato Sergio Galleano, giuslavorista e legale delle cause dei dipendenti precari presso le giurisdizioni italiane e la Corte di Giustizia dell’Unione Europea; il dottor Gaetano Aiello, esperto in materia di lavoro e pubblica amministrazione legislazione sul precariato pubblico e attualmente presso la vicepresidenza vicaria dell'Assemblea regionale siciliana). Per l’Us sarà presente Giovanni Savoca, delegato nazionale e componente del Direttivo nazionale Usb Enti locali. 


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.