Lunedì 16 Dicembre 2019
Destinate alla previsione dei rischi. Saranno realizzate in base alle risorse disponibili


Protezione civile, 52 infrastrutture per la Sicilia

di Andrea Rifatto | 19/03/2014 | ATTUALITÀ

2692 Lettori unici

Il Piano prevede opere per 417.941.300,00 euro

Cinquantadue interventi per un totale di quasi 420 milioni di euro. Questo il programma predisposto dal Dipartimento regionale di Protezione civile relativo alla “Realizzazione di infrastrutture finalizzate alla previsione e alla mitigazione dei rischi idrogeologici, sismici, vulcanici, industriali ed ambientali”.
Il dirigente generale del Dipartimento regionale, ing. Calogero Foti, ha firmato il 18 febbraio il decreto di approvazione del Piano degli interventi, da attuare con gli strumenti finanziari previsti dal Po Fesr Sicilia 2007/2013 sulla linea 2.3.1.8. Risorse che sono state integrate dal governo Crocetta con delibera di giunta 380 del 6 agosto 2013, che ha assegnato per queste finalità ulteriori 25 milioni di euro
Il Piano, la cui rimodulazione è stata approvata dalla Giunta regionale il 28 ottobre scorso, individua la realizzazione di 52 infrastrutture su tutto il territorio siciliano, finalizzate alla previsione e alla mitigazione dei rischi idrogeologici, sismici, vulcanici, industriali e ambientali, indispensabili per il buon funzionamento del Sistema regionale di Protezione civile. Gli interventi, per una totale di 417.941.300,00 euro, sono tutti a titolarità regionale e sono stati inseriti nel piano in ordine di priorità: saranno realizzati secondo la loro immediata cantierabilità e le risorse economiche disponibili. I lavori dovranno concludersi entro il 30 giugno 2015, per assicurare la rendicontazione della spesa entro il 31 dicembre 2015.

Il piano degli interventi prevede la realizzazione di nuove sedi del Dipartimento regionale di Protezione civile, l’attivazione del sistema Gecos (Gestione emergenze e comunicazione Sicilia), la costruzione di nuovi distaccamenti dei Vigili del Fuoco o la ristrutturazione delle sedi esistenti, la creazione dei Centri operativi misti (Com) in varie località dell’isola, la realizzazione o l’adeguamento delle aree di protezione civile in tutte le province siciliane.
Gli interventi più consistenti inseriti nel Piano riguardano la realizzazione o adeguamento di aree di Protezione civile: 60 milioni previsti per la provincia di Messina, 50 per i comuni palermitani, 40 milioni per Catania e provincia; per le province di Agrigento e Siracusa l’importo è di 25 milioni ciascuna, 20 milioni a Trapani e 15 alle province di Caltanissetta, Enna e Ragusa.

Scarica il Piano degli interventi

In provincia di Messina è previsto l’adeguamento della sede del Dipartimento regionale di Protezione civile nella Città dello Stretto (600mila euro), la realizzazione del Distaccamento dei Vigili del Fuoco di Roccalumera (4,5 milioni di euro) e la creazione di un Centro operativo misto a Giardini Naxos (2 milioni di euro).

Più informazioni: protezione civile  protezione civile sicilia  rischio idrogeologico  vigili del fuoco roccalumera  


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.