Venerdì 18 Ottobre 2019
Richieste inascoltate dal Comune. Penalizzati anche nuclei con anziani e neonati


Raccolta rifiuti a Sant’Alessio: “Noi famiglie con disabili viviamo grossi disagi”

di Andrea Rifatto | 17/07/2018 | ATTUALITÀ

1346 Lettori unici

Raccolta dell'indifferenziata ieri in via Sena

Cambia il calendario, restano i disagi. La gestione della raccolta differenziata a Sant’Alessio fa registrare criticità e non mancano le lamentele sia da parte dei residenti che dei villeggianti. Da ieri è in vigore il nuovo orario estivo che prevede non più uno ma due passaggi per la raccolta dell’indifferenziata, il lunedì e il sabato. Oltre alle perplessità manifestate in merito al fatto che ciò indurrebbe la popolazione a differenziare meno i rifiuti, ad essere sollevata è un’altra questione, che riguarda le particolari esigenze degli utenti nel cui nucleo familiare si trovano disabili gravi o gravissimi. La raccolta del rifiuto differenziato il lunedì e il sabato obbliga infatti queste famiglie a tenere in casa per parecchi giorni presidi medici come pannoloni e traverse, che ovviamente producono cattivi odori, e lo stesso problema interessa quei nuclei con bambini piccoli e anziani, dove quotidianamente si ha l’esigenza di gettare pannolini e pannoloni.

A segnalarci i disagi vissuti è una villeggiante di Caltanissetta, che da 13 anni trascorre l’estate a Sant’Alessio dove ha acquistato casa, la signora Gisella Canicattì, mamma di un ragazzo disabile gravissimo. La donna si è fatta portavoce di diverse famiglie con gli stessi problemi che vivono nel quartiere Sena. “In base a questo calendario siamo costretti a tenere in casa dal lunedì al sabato i rifiuti, abbiamo segnalato i disagi al Comune – spiega – ma non abbiamo ottenuto soluzioni. Ho parlato direttamente con il sindaco Giovanni Foti e mi ha spiegato che a Sant’Alessio, essendo un comune sotto i 5mila abitanti, non è possibile fare diversamente la raccolta, ma ho scoperto che ciò non è vero e dunque mi sento presa in giro, perché vengono lesi i diritti di mio figlio. Noi paghiamo la tassa rifiuti così come i residenti, anche se produciamo spazzatura solo un mese e mezzo l’anno: inutile che andiamo a sindacare solo sull’inciviltà della gente, che non può penalizzare noi e per questo chiediamo che l’Amministrazione si faccia carico delle nostre esigenze: nel quartiere Sena ci sono sei ragazzi disabili e famiglie con bambini pannolini e quindi è necessario potenziare la raccolta dell’indifferenziata. Se il Comune non vuole inserire un terzo giorno nel calendario, allora si preveda un ritiro a domicilio due volte a settimana presso le nostre utenze, senza aggravio di costi, come avviene ad esempio a S. Teresa. Oggi (ieri, ndc) ho chiamato il sindaco al telefono quattro volte ma non ha risposto, i problemi non li possiamo risolvere noi che veniamo in vacanza – conclude Gisella Canicattì – ma spetta al Comune occuparsene”. 


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.