Mercoledì 05 Agosto 2020
Contestata l'occupazione di suolo pubblico senza autorizzazione sul lungomare


Roccalumera, cittadino pianta cinque palme ma il Comune lo sanziona

di Andrea Rifatto | 29/08/2016 | ATTUALITÀ

11442 Lettori unici | Commenti 9

I vigili urbani sul posto insieme al cittadino sanzionato

Pensava di poter contribuire ad abbellire il proprio paese piantando cinque palme in altrettante aiuole pubbliche rimaste vuote da tempo. Ma si è ritrovato con cinque verbali di accertata violazione e con sanzioni per un totale di 250 euro. Accade a Roccalumera, dove un cittadino, Walter Marisca, il 12 agosto scorso ha piantumato cinque esemplari di palma ad alto fusto nella zona sud del lungomare Cristoforo Colombo, a ridosso del torrente Pagliara. Un’operazione effettuata con la collaborazione di diverse persone che si sono attivate per scavare all’interno delle aiuole esistenti sul marciapiede e posizionare, con l’aiuto di un mezzo meccanico, le piante della stessa specie di quelle già esistenti sulla via marina. Un gesto divulgato sui social network con foto e video, che però sono finiti anche in municipio facendo partire i controlli. Il giorno dopo, infatti, la Polizia municipale ha effettuato un sopralluogo e dopo aver visionato i filmati, sabato pomeriggio ha convocato il residente negli uffici comunali contestandogli l’occupazione di area pubblica in assenza di autorizzazione, punita con una sanzione amministrativa pecuniaria da 25 a 250 euro, ammettendo il pagamento nella misura ridotta di 50 euro per ogni pianta entro 60 giorni. “Sono io l’unico responsabile della piantumazione delle palme – ha dichiarato Marisca nei cinque verbali di contestazione –: avendo notato che da parecchi anni le cinque aiuole erano sprovviste delle piante, come quelle già esistenti, e che i cittadini avevano più volte sollecitato l’Amministrazione comunale a provvedere a tale grave mancanza, io stesso, in un video precedente avevo fatto presente all’Amministrazione che ero disponibile a colmare questa lacuna. E così ho fatto – ha precisato per giustificare il suo gesto –, pensando che tale iniziativa non fosse soggetta a sanzione e comunque non mi ritengo responsabile di aver commesso un’infrazione”.

I verbali sono stati affissi sulle cinque palme insieme ad un foglio con la scritta “salviamo questa pianta”. Questa mattina, alla presenza dei vigili urbani, il “cittadino-trasgressore” ha rimosso i provvedimenti e il foglio affisso sopra. Increduli dell’azione del Comune alcuni residenti della zona, che avevano gradito l’iniziativa ritenendo che abbia contribuito a migliorare la loro visuale verso il mare. Marisca, dal canto suo, per il momento non sembra intenzionato a rimuovere le palme e si è detto pronto a contestare la violazione con un proprio legale.


COMMENTI

Rolando | il 29/08/2016 alle 14:37:51

Non ci posso credere ....

Marco Sturiale | il 29/08/2016 alle 14:55:56

È vero che esistono delle regole. Ma ha piantanto 5 palme, per di più di una specie già presente sul lungomare, in aiuole libere... Ed il comune che fa? Lo multa!? Clamoroso autogoal!

Tina Rizzo | il 29/08/2016 alle 19:40:32

Ridicoli!... dovreste voi pagare lui!

Gaetano | il 29/08/2016 alle 23:47:04

Da non credere!

franco giacobbe | il 30/08/2016 alle 04:17:01

Viva l'Italia. Grazie Sindaco , anche se illegale, invece di premiare i l cittadino , lo sanzionaiamo , Bravo. Chi è il Sindaco ??

Pippo Sturiale | il 30/08/2016 alle 08:43:00

L'Amministrazione Comunale HA RAGIONE! Piantare palme, e di una varietà che mai qui si era vista, significa snaturare l'identità del paese. Walter Marisca ha cambiato i connotati al paese. La pianta che potrebbe rappresentare una parte di Roccalumera è "'a ficara", ma sembra poco adatta .... Leggendo bene vedo che il lungomare è stato già piantumato con questa essenza esotica .... che schifo! ... e l'ha fatto il Comune!? No comment ... potrei scadere nell'insulto! .... Ma come si configura l'occupazione di suolo pubblico: il buon Walter non rivendica la proprietà delle palme! Caso mai è abbandono di rifiuti solidi o di materiale pericoloso, o ... forse si tratta di esercizio abusivo ed improprio di materia grigia, ma non da parte di Marisca. C'è sempre tempo, però, per porvi rimedio: l'autocritica è la virtù dei forti e revocare la sanzione in autotutela sarebbe cosa buona e giusta. Vorrei leggere questa notizia!

Valentina | il 30/08/2016 alle 11:17:09

La politica mi indegna... ecco perché non voto.. probabilmente il signore ha pure dato il voto al sindaco e quest ultimo l ha pure sanzionato!!!! MONDO PERSO

Marinella Ruggeri | il 31/08/2016 alle 09:22:40

Ce ne fossero di queste iniziative!!! Ma non vi rendete conto che tutti i nostri comuni stanno morendo giorno dopo giorno per carenze varie delle nostre amministrazioni locali.....la colpa è dei pochi soldi si dice..... io penso che sia soprattutto perchè non c'è più rispetto nè per la cosa pubblica nè per gli abitanti e Votanti. Un cittadino cerca di sua iniziativa e a Propri spese di migliorare il proprio paese e viene multato?? Ridicoli e patetici....e pure invidiosi perchè con questo gesto il Sig. Marisca è riuscito a fare un qualcosa di minimo ma importante che voi non siete riusciti a fare. Commento di una non residente a Roccalumera e quindi non votante e.... Menu Mali!!!!

Elio Ordente | il 07/09/2016 alle 11:31:46

Povera Sicilia, se questo è il modo di agire. Vista la carenza di Fondi, certamente con interventi coordinati, ma ben vengano iniziative di privati, di associazioni, di Sponsor vari che possano contribuire a migliorare l'aspetto dei nostri paesi. Dal Colosseo a tante stradine nei borghi più belli d'Italia, tante iniziative da plauso di privati e non certamente da sanzionare. Mi auguro che riconoscendo di aver toppato, il sindaco ci metta una pezza. Saluti

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.