Giovedì 19 Settembre 2019
Per 71 giorni saranno attive quattro postazioni di vigilanza con i bagnini


S. Teresa, affidato il servizio di salvataggio in mare per i mesi estivi

di Andrea Rifatto | 29/05/2019 | ATTUALITÀ

608 Lettori unici

Una delle postazioni di salvataggio

Affidato ieri l’appalto per il servizio di vigilanza e salvataggio sulla spiaggia libera di S. Teresa di Riva per l’estate 2019. Alla gara svoltasi alla centrale unica di committenza TirrenoEcosviluppo 2000 ha partecipato una sola ditta, il Corpo volontario di soccorso in mare con sedi a Roma e Catania, che ha presentato l’offerta nei termini fissati offrendo un ribasso dello 0,3790% sull’importo a base d’asta di 28mila 690 euro, aggiudicandosi la gara per la somma di 28mila 581 euro. Essendo in presenza di meno di cinque offerte, la commissione ha proceduto come previsto dalla legge senza effettuare il calcolo della soglia di anomalia e ha quindi aggiudicato l’appalto al Cvsm, che ha già gestito il servizio bagnini a S. Teresa in questi anni. Nelle scorse settimane l’Amministrazione comunale aveva stanziato 35mila euro rispetto ai 29mila dello scorso anno, assegnando la somma agli uffici affinché provvedessero ad avviare l’iter per l’affidamento dell’appalto, confermato anche quest’anno per rendere sicura la balneazione e offrire un importante servizio a residenti e vacanzieri

Sulla spiaggia verranno posizionate quattro postazioni di salvataggio, attive da domenica 30 giugno a domenica 8 settembre (71 giorni consecutivi) con l'impiego di due bagnini per ogni postazione e di un responsabile del servizio, su due turni di cinque ore ciascuno, 9-14 e 14-19. Le torrette verranno installate nei quartieri Portosalvo, Centro, Sacra Famiglia e Bucalo e in due di queste (Portosalvo e Sacra Famiglia) sarà presente la sedia job per disabili che darà la possibilità di entrare in acqua, con l’assistenza di un bagnino formato a tale scopo, ai soggetti diversamente abili e con difficoltà motorie. La ditta dovrà adesso sottoscrivere la convenzione con il Comune e iniziare le attività improrogabilmente le attività entro il 30 giugno.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.