Giovedì 19 Settembre 2019
Approvata dalla Regione una modifica al Regolamento edilizio comunale


S. Teresa, cambiano le regole sull'altezza minima dei locali

di Andrea Rifatto | 20/06/2017 | ATTUALITÀ

3277 Lettori unici

Il Comune ha accolto le richieste dei cittadini

Via libera dalla Regione siciliana alla modifica del Regolamento edilizio di S. Teresa di Riva in materia di altezza minima dei locali. A essere interessato dalla variazione è stato l’articolo 35 del documento, approvato nel marzo 1979 e tutt’ora in vigore, che stabiliva un minimo di 3 metri come altezza minima di interpiano per i piani terreni nei locali da adibire a civile abitazione, autorimesse, laboratori, negozi e luoghi di riunione di uso pubblico. L'istanza di modifica del Regolamento edilizio vigente scaturisce dalle numerose richieste formulate da parte dei privati cittadini e condivise dall'Amministrazione comunale, in quanto molti fabbricati del centro urbano hanno altezze di interpiano inferiori a quelle minime previste e gli operatori interessati all'apertura di esercizi pubblici hanno trovato disagi e difficoltà poiché tale prescrizione ha svolto una funzione di freno allo sviluppo delle attività commerciali e/o artigianali promosse da iniziative private, con ovvie e gravi ripercussioni sull'economia comunale. La proposta, approvata dal Consiglio comunale l’11 marzo dello scorso anno e poi inoltrata a Palermo, ha ricevuto il via libera dal dirigente generale del Dipartimento dell’Urbanistica, Carmelo Frittitta, e interessa in particolare i locali fino a una superficie di 50 metri quadri all’interno delle costruzioni preesistenti alla data di adozione del Piano di Fabbricazione (1979) e quelle immediatamente successive.

Per tutte le attività, i locali fino a una superficie di 50 metri quadri devono avere altezza non inferiore a 2,70 metri con aperture non inferiori a 1/8 della superficie del pavimento dei soli locali adibiti all'attività commerciale o artigianale; i locali con superficie superiore a 50 mq devono invece avere altezza non inferiore a 3 metri con aperture non inferiori a 1/8 della superficie del pavimento dei soli locali adibiti all'attività commerciale o artigianale. I piani terreni adibiti ad autorimesse per una sola autovettura o a deposito di motocicli o carrozzino possono avere altezza utile netta di 2.50 metri. La Regione ha rilevato che le modifiche richieste non inficiano sull'assetto urbanistico né sul potere edificatorio delle aree e che non viene mutato il dimensionamento delle volumetrie, approvando così quanto chiesto dal Comune.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.