Lunedì 16 Dicembre 2019
Il vicesindaco Lo Giudice: 'Grande risposta'. Dal 2 maggio parte il porta a porta


S. Teresa. Consegnati 2.000 kit per la differenziata, distribuzione sospesa

di Redazione | 30/04/2016 | ATTUALITÀ

3395 Lettori unici | Commenti 5

Il kit per le utenze domestiche

La cittadinanza di S. Teresa di Riva ha risposto positivamente alla “chiamata” del Comune per la consegna dei kit per la raccolta differenziata porta a porta dei rifiuti, tanto da "svuotare" il deposito nel giro di due giorni. Da giovedì, quando è partita la distribuzione, ne sono stati già ritirati circa 2.000, composti da un mastello da 30 litri per la frazione organica più uno sottolavello da 10 litri e mastelli di diversi colori, sempre da 30 litri, per carta, vetro, plastica/lattine e secco/residuale, oltre alla card per accedere al Ccr e alle aree ecologiche presidiate, al calendario che indica i giorni per il ritiro a domicilio dei rifiuti e ad un opuscolo informativo.  “Abbiamo avuto una risposta straordinaria oltre ogni aspettativa – sottolinea il vicesindaco Danilo Lo Giudice –: ora quindi sospenderemo le consegne e la prossima settimana sarà dedicata alle utenze commerciali, con le quali bisogna concordare singolarmente le esigenze”. Nel ringraziare la cittadinanza per la grande sensibilità e il grande impegno mostrati e scusandosi per il disagio arrecato non determinato dalla propria volontà, l’Amministrazione comunale rende noto che da lunedì 2 maggio la consegna dei cestelli per il conferimento differenziato dei rifiuti riprenderà esclusivamente per le utenze commerciali. A partire da martedì 10 maggio, invece, cittadini e famiglie potranno tornare al punto di distribuzione allestito in via Torrente Savoca 14, alla periferia nord del paese (Ex Cai, di fronte oleificio D’Urso), aperto dalle ore 8 alle 13 e dalle 14.30 alle 20.

Il servizio di raccolta differenziata porta a porta partirà lunedì 2 maggio ed entrerà a regime in tutto il territorio santateresino nel giro di un mese, una volta che verranno consegnati tutti i kit. Ieri il sindaco Cateno De Luca ha infatti firmato un’ordinanza che autorizza le utenze che non hanno ancora ritirato i contenitori per la differenziata porta a porta ad utilizzare i cassonetti stradali per conferire i rifiuti solidi urbani, comunque non oltre il 31 maggio, mentre chi ha già preso in consegna i cestelli dovrà attuare la differenziata secondo il calendario prestabilito. Dal 1 giugno, dunque, cesserà la doppia raccolta (stradale e porta a porta) ed entrerà a regime il nuovo servizio.

Più informazioni: aro santa teresa  


COMMENTI

antonio | il 30/04/2016 alle 09:50:29

GIà SI VEDONO LE PECCHE DI QUESTO SISTEMA. distribuzione sospesa perchè sono finiti i kit da distribuire e riprende il 10 maggio, cioè nella fase iniziale già "rimaniamo a piedi" quindi potranno differenziare solo i fortunati che hanno ritirato i bidoni mentre per altri ancora cassonetto. Nota positiva la gente si sta informando e premurando a imparare a riciclare

nino | il 30/04/2016 alle 13:28:48

ancora siamo in attesa quelli che abbiamo richiesto la compostiera, quanto dobbiamo aspettare?????????? qualcuno è al corrente???? grazie

Fabio | il 30/04/2016 alle 13:38:10

si comincia bene quindi dai 15 giorni iniziali per ritirare i kit dopo soli due giorni di consegna si è scesi a 5, senza considerare che chi per motivi vari (lavoro, serata fuori o altro) dovesse saltare la consegna del residuo secco (che proprio secco non è visto che lì dentro vanno conferiti ossa, cozze, escrementi di animali domestici, assorbenti, ecc...) si trova a doversi tenere in casa per 15 giorni, dato che per questi tipi di rifiuti non è contemplata la consegna ai centri di raccolta, rifiuti maleodoranti e non proprio igienici per la salute.

Fabio | il 01/05/2016 alle 13:27:58

Come mai i kit non sono quelli della dimostrazione? Sembrano qualitativamente più deboli, inoltre alla dimostrazione è stato spiegato che non potevano fornire i sacchetti perchè, essendo i secchi forniti di codice a barre e microchip, non si rientrava con le spese, ma i kit che ho avuto modo di vedere sono tutti senza microchip, ma i sacchetti non li hanno distribuiti ugualmente. Ero forse uno dei pochi entusiasti di questa iniziativa di differenziare i rifiuti ma con i problemi che ho evidenziato anche nel commento precedente credo che nel sistema ci siano un pò di falle.

Pippo Sturiale | il 01/05/2016 alle 17:13:35

Saranno debolucci i contenitori, ma il microchip ce l'hanno tutti! E' di lato. La raccolta, fino a quando ci saranno i cassonetti, sarà complicata perché ci sarà doppiio lavoro. E poi abbiamo aspettato tanto, un po' di pazienza ... ma facciamo notare quello che si può migliorare ... ad esempio il residuo, quando contiene panni o pannoloni si dovrebbe poter portare nei centri di raccolta.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.