Sabato 21 Settembre 2019
La sosta sul lungomare limitata solo nei feriali penalizza comunque le attività


S. Teresa, disco orario tra multe e il non senso dei festivi liberi

di Andrea Rifatto | 14/08/2018 | ATTUALITÀ

1894 Lettori unici

Un tratto con il disco orario

Più che far raggiungere l’obiettivo per la quale è stata istituita, la sosta con disco orario sul lungomare di S. Teresa sta facendo raggiungere il record di multe. E quasi tutte a danno dei residenti. La nuova tipologia di sosta consentita per un tempo massimo alla scadenza del quale bisogna rimuovere il veicolo e parcheggiarlo altrove è stata introdotta a partire dall’1 agosto dall’Amministrazione comunale del sindaco Danilo Lo Giudice, dopo le richieste giunte in municipio da parte di numerosi commercianti le cui attività sorgono sul lungomare, che visto il mancato avvio delle strisce blu hanno fatto notare agli amministratori di essere penalizzati dal fatto che molti automobilisti, soprattutto provenienti da fuori paese e nei fine settimana, lasciano la propria auto davanti a negozi, bar, ristoranti ed esercizi in genere, molto spesso per l’intera giornata, magari per recarsi al mare. Dunque il primo cittadino ha firmato un’ordinanza che istituisce in sette zone del lungomare (lato monte) la sosta regolamentata con disco orario per la durata di un’ora, dalle 8 alle 13 e dalle 16 alle 20 di tutti i giorni feriali. E qui, a nostro avviso, sta l’errore. Non prevedere il disco orario la domenica e negli altri giorni festivi non consente infatti di raggiungere a pieno lo scopo principale dell’iniziativa, ossia quello di assicurare una disponibilità di stalli di sosta a servizio delle varie attività commerciali e la possibilità ai fruitori dei pubblici esercizi di reperire un parcheggio nel tratto di strada antistante l’esercizio, che sia bar, ristorante, casalinghi o ferramenta. Quasi tutte le attività dinanzi a cui è stata istituita la sosta con dico orario sono infatti aperte la domenica e i festivi ma proprio in questi giorni gli effetti del provvedimento si annullano, in quanto chiunque, soprattutto quanti arrivano da fuori S. Teresa, può lasciare l’auto anche 12 o 24 ore di fila nello stesso punto, senza incorrere in alcuna sanzione in quanto è pienamente in regola secondo quanto prevede l’ordinanza e viene esplicitato dalla segnaletica verticale. Ciò che ad esempio accadrà da questa sera, quando arriveranno centinaia di persone per trascorrere la notte e la giornata di Ferragosto sulla spiaggia che potranno parcheggiare tranquillamente il proprio veicolo lasciandolo “inchiodato” nello stesso punto senza alcune limitazione.

Un nonsense che sta facendo imbufalire soprattutto i santateresini, che si vedono costantemente multati o costretti durante la giornata a spostare continuamente il proprio mezzo per non incorrere nelle sanzioni, che vanno dai 25 euro in caso di disco orario scaduto ai 41 euro per la mancata esposizione. Spesso, va detto, per distrazione, in quanto la sosta lato monte avviene giungendo dalla corsia lato mare, anche se non consentito in quanto è vietato oltrepassare la doppia striscia continua, e dunque non vi è la possibilità di individuare se in quel tratto vige il disco orario visto che la segnaletica è rivolta per chi viaggia sulla corsia in direzione Catania. “Quest’anno effettivamente non abbiamo deciso di introdurre il disco orario anche la domenica – spiega l’assessore alla Viabilità, Domenico Trimarchi – trattandosi di un esperimento così come quello della navetta urbana. Il nostro obiettivo è stato fin dall’inizio quello di andare incontro alle esigenze sia dei residenti che dei commercianti, al termine faremo ovviamente un bilancio e vedremo se serviranno dei correttivi”. Il disco orario sul lungomare sarà sicuramente attivo fino al 31 agosto, ma non è escluso che possa andare avanti anche qualche settimana di settembre.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.