Mercoledì 24 Aprile 2019
Somme raccolte a un torneo di burraco a Roccalumera per due progetti


S. Teresa, donazione del Lions Club per curare i bambini africani

25/06/2018 | ATTUALITÀ

612 Lettori unici

La Torre, Ciccolo, Caminiti e Racco

Il Lions Club S. Teresa di Riva ha devoluto ai bambini di alcuni paesi africani in via di sviluppo i proventi ricavati dal torneo di burraco di beneficenza organizzato in un noto albergo di Roccalumera. Le somme sono destinate a due service di rilevanza internazionale:  “One Shot - One Life” – “Un vaccino per una vita”,  una iniziativa della Fondazione Internazionale Lions per la lotta al morbillo e alla rosolia, e “I Lions italiani contro le malattie killer dei bambini” (MK Onlus) contro la meningite, il diabete e per il sostegno a missioni mediche operanti sul posto. Il presidente del Club, Leonardo Racco, ha ringraziato gli organizzatori del torneo, Agostina La Torre e Massimo Caminiti, che si sono avvalsi della collaborazione delle Associazioni locali di burraco, aderenti alla F.I.Bur, e dell’arbitro federale Giovanni Ciccolo dell’ A.P.S. “Magic Burraco” di Furci Siculo. La manifestazione ha visto la partecipazione di 24 coppie che si sono date “battaglia” sui tavoli da gioco, in quattro turni di partite e che alla fine ha proclamato vincitore la coppia di coniugi Tindara Bellantoni e Antonio Voccio, al 2° posto Cinzia Camellini e Giovanna Giuca, e al 3° posto Sisinni Giuggiola e Imma Majolino; hanno  ricevuto premi anche le altre coppie partecipanti grazie ai doni offerti da ditte, privati e associazioni locali, tra cui le numerose stampe fotografiche donate dai soci dell’“AFI 011”,  associazione di appassionati di fotografia di Roccalumera, presieduta da Mario Pollino. Il presidente Racco ha informato che la tesoriera, Nina Morabito, ha già provveduto ad inviare i proventi delle donazioni del Lions Club santateresino ai rispettivi service, con la certezza di offrire un aiuto concreto a dei bambini a rischio di vita o di malattia, le cui campagne di prevenzione Lions hanno visto in pochi anni una diminuzione annuale di vittime quasi del 75%, con evidenti ottimi risultati.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.