Lunedì 20 Maggio 2019
Cittadini invitati a limitare i consumi. Rimangono aperte le docce in spiaggia


S. Teresa. Guasto all'acquedotto, si rischia lo stop alla fornitura idrica

di Redazione | 09/07/2017 | ATTUALITÀ

2471 Lettori unici | Commenti 2

Un guasto all'acquedotto rischia di ridurre sensibilmente fino all'interruzione la fornitura idrica alle utenze di S. Teresa di Riva. A darne comunicazione è il sindaco Danilo Lo Giudice che ha spiegato in una nota diramata alle 14 che "da qualche ora si è verificato un guasto al motore presente nel pozzo Landro che rifornisce buona parte della città". Attualmente il livello del serbatoio da cui l'acqua raggiunge poi le utenze cittadine è a metà e l'unica fonte di approvvigionamento è rappresentata dal Consorzio Landro, da cui il Comune da qualche settimana acquista l'acqua per far fronte ai maggiori consumi estivi. "Ma è chiaro che nel giro di alcune ore il livello si abbasserà - ha evidenziato Lo Giudice - e l'Ufficio tecnico sta verificando la situazione ma essendo domenica non sarà facile intervenire immediatamente anche in considerazione degli eventuali pezzi di ricambio necessari o sostituzione. Invito la cittadinanza a limitare l'utilizzo di acqua solo per le necessità inderogabili. Le prime zone interessate dai disagi potrebbero essere quelle a monte e quindi Sparagonà, Cantidati e Torrevarata alta". Nel frattempo continuano a rimanere aperte e utilizzabili le docce poste sulla spiaggia. 

AGGIORNAMENTO ORE 21.30
Il sindaco ha reso noto che il motore del pozzo Landro si è bruciato ed è quindi necessaria la sostituzione, che si spera di poter effettuare domani. “Stiamo riuscendo a contenere la situazione grazie all'approvvigionamento dal Consorzio che in questo momento è massimo e con un consumo limitato alle emergenze e necessità di primo ordine potremmo riuscire a non avere problemi" – ha detto Lo Giudice dopo essere stato sui luoghi. "Attualmente il livello dei serbatoi è a poco meno di metà e durante la nottata dovremmo recuperare qualcosa. Si invita la cittadinanza a limitare i consumi fino a nuove disposizioni”. Il primo cittadino ha poi spiegato che le docce in spiaggia non rappresentano un problema in considerazione dei riduttori che sono stati predisposti lo scorso anno.


COMMENTI

FAUSTO PARRA | il 10/07/2017 alle 13:24:15

ricordate i nuovi pozzi scoperti in cima ai monti l'anno scorso dal Wate del Nisi? Miracolo!!! Ora i vari ferlito, privitera, Grasso, Leotta , Leonardi, Pennisi, Trovato, Russo, Pulvirenti, Messina, Cavallaro, Musmeci, Raciti Fichera Maugeri Greco Licciardello Battiato Privitera Torrisi Patane' Barbagallo Bella Finocchiaro Puglisi Arcidiacono Di Mauro Spina Scandura Cannavo' Basile Romeo Pagano Pavone Massimino Sorbello Patti Scalia Brischetto Nicolosi Strano Calabretta Garozzo La Rosa Mangiagli Musumeci Castorina Vasta Giuffrida Pappalardo etc da Scordia, Aci Paternò etc RINGRAZIANO IL WATE DE LUCA e il suo epigono PER IL REGALO E LA BANDIERA BLUBLUBLU....AHAH

fausto parra | il 12/07/2017 alle 22:41:02

OSSERVATORE - giovedì 9 giugno 2016, ore 10:22:54 oltre 40MILA L d'acqua l'ora non sono pochi anzi davvero in questo caso per S.Teresa è una manna dal cielo.L'attuale amministrazione sta ponendo ottime fondamenta per il POST DE LUCA. COMPLIMENTI SENZA DUBBIO. Direttore articolo simpatico, ma non si sa mai nella cabina elettorale ci si "CUNFUNNE" Pippo Sturiale - mercoledì 8 giugno 2016, ore 16:30:32 L'acqua non zampilla da una trivella nelle nostre zone! Ci vuole un motore per tirarla su. In ogni caso di acqua nella falda ce n'è a sufficienza. il grande OSSERVATORE ...cieco e il sodale ESPERTO.......di che? commentavano estasiati il miracolo dell'acqua santateresina

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.