Sabato 19 Ottobre 2019
L'edificio liberty beneficerà dei fondi stanziati per recuperare le dimore storiche


S. Teresa, la Regione finanzia ai privati il restauro di Villa Carrozza

di Andrea Rifatto | 04/02/2019 | ATTUALITÀ

974 Lettori unici

La villa dei Marchesi Carrozza

Arrivano dalla Regione siciliana le risorse necessarie a completare il restauro della villa dei Marchesi Carrozza, storica dimora di S. Teresa di Riva oggi di proprietà della famiglia messinese Miloro-Scutellà. L’Assessorato dei Beni culturali e dellʼIdentità siciliana, di concerto con l’Assessorato dellʼEconomia, ha infatti approvato le graduatoria degli ammessi al beneficio di cui all’articolo 8 della Legge regionale 8/2018 sulle dimore storiche e al 16esimo posto su 24 istanze figura quella presentata da Roberto e Mirko Miloro e da Maria Scutellà, prima nella provincia di Messina, che avevano chiesto un contributo di 394mila 334 euro per il recupero totale dell'immobile ottenendo dalla Regione 197mila 167 euro. A darne notizie sono stati i professionisti che hanno curato l’iter burocratico della pratica, gli architetti Massimo Stracuzzi e Olimpia Edvige Manno di Savoca.

Villa Carrozza, gioiello di architettura liberty del 1870 situato in via Roma, nel quartiere Torrevarata, contiene al suo interno raffinati affreschi e stucchi ed è stata riconosciuta di notevole interesse storico ed architettonico dall'Assessorato regionale dei Beni culturali ed ambientali della Regione con decreto di vincolo del 1982. Il progetto prevede, oltre al completamento del restauro della villa iniziato da qualche anno, portato avanti grazie agli enormi sforzi della famiglia Miloro-Scutellà, anche il recupero dei dipinti murali all’interno dell’immobile, il recupero della depandance adiacente la villa e alla messa in sicurezza del muro di cinta che prospetta su via Roma, che allo stato attuale versa in condizioni piuttosto gravi a tal punto che i proprietari hanno avanzato apposita richiesta al Comune di S. Teresa per il transennamento della zona sottostante il muro, almeno fino a quando non saranno effettuati i lavori, per evitare danni a persone e cose.

I proprietari e i progettisti sono ottimisti che il capitolo inerente la dotazione finanziaria dell’Assessorato dei Beni culturali, che attualmente prevede 849mila 418 euro per il 2018 e 738mila 037 per il 2019, venga rimpinguata a breve, in modo tale che buona parte dei progetti ammessi a finanziamento possano godere del giusto riconoscimento in tempi celeri e nel caso della Villa dei Marchesi Carrozza, che il finanziamento possa giungere nei tempi utili per evitare gravi danni alla struttura. A tal proposito fanno sapere che è stato contattato il sindaco di S. Teresa nonché deputato regionale, Danilo Lo Giudice, per seguire da vicino la situazione.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.