Mercoledì 24 Aprile 2019
Sacchetti di rifiuti abbandonati in strada in seguito alla rimozione dei cassonetti


S. Teresa. Mini discariche sul territorio, scattano controlli e sanzioni

di Gianluca Santisi | 09/06/2016 | ATTUALITÀ

2751 Lettori unici | Commenti 1

Vigili, operatori e il presidente Veri durante i controlli di oggi

L’avvio della rimozione dei cassonetti a S. Teresa di Riva ha provocato la comparsa di mini discariche su tutto il territorio comunale, così come temuto nei giorni scorsi. Questa mattina è scattata la caccia agli incivili che, in assenza dei contenitori stradali, hanno pensato bene di abbandonare i propri rifiuti in strada. Una squadra composta da amministratori, vigili urbani e operatori ecologici ha passato al setaccio i cumuli di sacchetti disseminati in vie e slarghi. La spazzatura presente all'interno è stata analizzata alla ricerca di elementi utili all'identificazione del proprietario. La “caccia” è andata a buon fine già in alcune circostanze, grazie al ritrovamento di corrispondenza postale, contenente quindi dati anagrafici e indirizzi, che era stata gettata assieme al resto dei rifiuti. Diversi trasgressori sono stati identificati e domani partiranno i primi cinque verbali di contestazione nei confronti di quanti hanno violato le disposizioni emanate dal Comune in materia di smaltimento dei rifiuti solidi urbani. In base all’ordinanza firmata dal sindaco Cateno De Luca il 27 aprile scorso, infatti, l’abbandono e il deposito incontrollato di rifiuti sul suolo verrà punito con una sanzione pecuniaria da 25 a 500 euro. “Visto che c'è qualche incivile noi intensifichiamo i controlli, così vediamo se la smettono di lasciare buste qua e là!”, ha tuonato il vicesindaco Danilo Lo Giudice, postando su Facebook la foto dei primi “ritrovamenti” durante il giro effettuato in paese con il presidente del Consiglio comunale Santino Veri.

“È errato rendere pubblico quello che si sta facendo – ha osservato però un cittadino – perché così si avviserà soltanto chi non vuole lasciare tracce. Bisogna istituire delle ronde o meglio delle aree videosorvegliate”. Proprio la videosorveglianza è uno dei accorgimenti che l'Amministrazione attuerà nelle prossime settimane per cercare di contrastare l'abbandono incontrollato di rifiuti sul territorio comunale, situazione prevedibile con la progressiva eliminazione di tutti i cassonetti per l'indifferenziata presenti in paese. Operazione che secondo previsioni sarà completata entro sabato. Successivamente entrerà a pieno regime il sistema di raccolta porta a porta con il conferimento che avverrà esclusivamente tramite i bidoncini distribuiti nelle scorse settimane alla cittadinanza. Sino a questo momento, nonostante la gran parte delle famiglie santateresine e dei titolari di attività commerciali abbia ritirato il kit domestico o i contenitori più grandi, la percentuale di quanti hanno attuato la differenziata porta a porta è rimasta però molto bassa. Davanti alle abitazioni si notano pochi bidoncini. Anche le attività commerciali, e in particolare bar, ristoranti, rivendite di ortofrutta, pescherie, hanno rimandato l’utilizzo dei contenitori. Ma tra pochi giorni tutti saranno costretti ad adeguarsi. E per gli incivili non ci saranno sconti, considerata l'inevitabile decisione dell'Amministrazione comunale di intensificare i controlli. Intanto, una novità riguarda la raccolta dell'umido: dal prossimo 13 giugno il ritiro dell'apposito bidoncino avverrà non più due ma tre volte la settimana, cioè lunedì, mercoledì e venerdì. 

Più informazioni: aro santa teresa  


COMMENTI

Sierro | il 09/06/2016 alle 21:09:06

Solo cateno può vincere questa battaglia, lui non ha peli sulla lingua ne amici da tutelare chi sbaglia paga ottimo così videoaorveglianza e poi vediamo i nomi eccellenti di questi INCIVILI

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.