Giovedì 22 Agosto 2019
Altri sette giorni per osservare quanto dichiarato alla Fee per la Bandiera blu


S. Teresa, prorogato il servizio di salvataggio in mare. Ridotta la paga ai bagnini

di Andrea Rifatto | 03/09/2018 | ATTUALITÀ

1126 Lettori unici

Una delle quattro postazioni dei bagnini

Prorogato per un’altra settimana il servizio di salvataggio in mare a S. Teresa di Riva. Ieri il direttore dell’Area di Polizia municipale, il capitano Diego Mangiò, ha firmato la determina con la quale viene prolungata fino a domenica 9 settembre l’attività dei bagnini, che da contratto si sarebbe dovuta concludere il 2 settembre alla scadenza dei 65 giorni decorrenti dal 30 giugno. Il Comune ha infatti valutato di dover continuare a garantire il servizio di vigilanza spiagge per un’altra settimana, rispettando quanto indicato in occasione di presentazione della candidatura per la Bandiera blu, dove evidentemente come termine della stagione balneare è stato specificato il 9 settembre (72 giorni). Sabato il sindaco Danilo Lo Giudice ha quindi inviato al capitano Mangiò una direttiva chiedendo di prorogare le attività e il direttore dell’Area di Polizia municipale ha chiesto all'associazione Corpo Volontario di Soccorso in Mare-Regione Sicilia, aggiudicataria del servizio, la disponibilità a proseguire alle medesime condizioni dell'aggiudicazione. Arrivato l’ok, è stata firmata la prosecuzione, che verrà coperta con le somme già stanziate, visto che il Comune ha evidenziato come l’attività svolta dalle associazioni di volontariato non è soggetta ad Iva (al 22%) e pertanto l'importo dell'appalto non ammonta più ai 28mila 860 euro, Iva e oneri inclusi, a cui era stato aggiudicato il servizio il 20 giugno, ma a 23mila 656 euro. Dunque per la proroga di ulteriori 7 giorni, calcolando una spesa di 363,94 euro al giorno, sono stati utilizzati i 2mila 547 euro “residui”. Circostanza, quella relativa all’Iva, emersa il 20 luglio scorso in occasione del pagamento al Corpo Volontario di Soccorso in Mare dell’acconto del 50% pari a 11mila 828 euro calcolato sul totale di 23mila 656, così come chiesto dall'associazione due giorni prima, e che ha comportato una riduzione della paga per i bagnini da 20 euro (cifra concordata con l'associazione all'avvio delle attività per il turno giornaliero da cinque ore) a 19 euro, non senza malumori tra quanti svolgono il servizio. Da oggi a domenica 9 la paga dovrebbe tornare a 20 euro.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.