Martedì 17 Settembre 2019
Territorio suddiviso in quattro zone: servizio in via sperimentale per tre mesi


S. Teresa, si parte con lo spazzamento meccanico delle strade

di Andrea Rifatto | 17/12/2017 | ATTUALITÀ

1519 Lettori unici

La spazzatrice su via Regina Margherita

Effettuato al momento solo su richiesta in caso di manifestazioni e al termine del mercato quindicinale, lo spazzamento meccanico delle strade di S. Teresa di Riva potrebbe diventare la regola. L’Amministrazione comunale del sindaco Danilo Lo Giudice, insieme ai responsabili dell’Ambito di raccolta ottimale e della ditta che si occupa dei servizi ambientali, ha infatti deciso di avviare il servizio, allo scopo di migliorare ulteriormente la qualità della pulizia di strade e piazze, effettuata al momento manualmente dagli operatori ecologici. Lo spazzamento meccanico, opzione già prevista nel Piano d’ambito dell’Aro e nel contratto stipulato nel gennaio 2016 con la ditta Onofaro, verrà effettuato secondo una ipotesi stilata dall’Ufficio tecnico, in particolare dall’ingegnere Onofrio Crisafulli, direttore dell’Aro, ed è stata analizzata nel corso di un incontro in Municipio alla presenza dello stesso Crisafulli, del primo cittadino, dell’assessore all’Ambiente e Igiene Gianmarco Lombardo e del responsabile della ditta nel cantiere di S. Teresa, Francesco Gugliotta. Il territorio è stato suddiviso in quattro zone, oltre le frazioni, e nelle vie prescelte transiterà con cadenza quindicinale la spazzatrice sia per lo spazzamento meccanico semplice che per quello accompagnato dal lavaggio della sede stradale. Di volta in volta il Comune provvederà al posizionamento dei divieti di sosta per consentire il passaggio del mezzo.

Si partirà con una fase sperimentale di tre mesi per capire se quanto previsto dagli Uffici comunali sia effettivamente realizzabile e non vi siano criticità. Poi si valuterà se saranno necessari correttivi e si potrà anche decidere di istituire i divieti di sosta permanenti in giorni stabiliti, come avvenne circa quindici anni fa sulla via lungomare, purtroppo con scarsi risultati perché il servizio, allora gestito in proprio dal Comune, non entrò mai pienamente a regime. Per i servizi di spazzamento, diserbo e pulizia post mercato il Comune spende annualmente 166 mila euro rispetto all’importo totale di 1 milione di euro per tutti i servizi ambientali: spazzamento, pulizia e diserbo sono previsti su strade veicolari e pedonali, compresi marciapiedi e aree pubbliche in genere, strade ed aree private comunque soggette ad uso pubblico, aiuole e viali interni dei giardini pubblici. Il servizio manuale viene garantito per almeno 3 volte la settimana, per almeno 6 ore al giorno e la ditta ha l’obbligo,. unitamente allo spazzamento, di provvedere a far estirpare le erbacce esistenti lungo i margini delle strade e dei marciapiedi. Alle operazioni di diserbo, di regola, devono invece essere dedicati gli ultimi dieci giorni di ogni mese.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.