Martedì 10 Dicembre 2019
Rimessa in discussione le graduatoria dei progetti ammessi. In ballo 1mln 335mila euro


S. Teresa di Riva. Finanziamento a rischio per il campo da calcio?

di Andrea Rifatto | 30/04/2014 | ATTUALITÀ

2092 Lettori unici

Il polveroso fondo sarà solo un ricordo?

Sembrava fatta: mancava la firma del decreto di finanziamento da parte dell’assessorato regionale del Turismo, dello Sport e dello Spettacolo e a S. Teresa di Riva sarebbe arrivato un finanziamento atteso da anni, che avrebbe fatto cambiare volto al campo da calcio, con un intervento di riqualificazione che avrebbe permesso di lasciare alle spalle polvere, disagi e disservizi.
Ma la macchina amministrativa regionale si è inceppata e tutte le certezze sono state rimesse in discussione. Tutto nasce in seguito ai numerosi ricorsi che i Comuni siciliani esclusi dalla graduatoria dei progetti ammessi a finanziamento, nell’ambito della Linea di intervento 3.3.2.1 del Po-Fesr Sicilia 2007-2013, hanno presentato dinanzi al Tar chiedendo la sospensione cautelativa delle determinazioni di esclusione dai fondi. Ricorsi che sono stati in molti casi accolti e che hanno visto l’assessorato regionale costretto a riavviare il procedimento amministrativo in ordine all’esame dei progetti esclusi dalla fase valutativa: lavoro che potrebbe portare ad una rimodulazione delle graduatoria definitiva approvata nei mesi scorsi. Ma il Comune di S. Teresa di Riva non ci sta: ieri il capogruppo di maggioranza Sandro Triolo è corso a Palermo per partecipare ad una riunione tenutasi a Villa Igiea, sede decentrata dell’assessorato del Turismo, dello Sport e dello Spettacolo, dove è stato comunicato ai Comuni che oltre alla riammissione delle istanze per ordine del Tar, la graduatoria dei progetti finanziati è stata rimessa in discussione a causa di una serie di errori della Commissione valutatrice in fase di assegnazione dei punteggi. L’incontro ha avuto toni accesi, perché gli enti che si vedevano già in tasca i fondi per poter intervenire sulle infrastrutture dei propri territori non si spiegano come sia possibile che gli stessi requisiti, valutati positivamente nella prima fase, siano stati rimessi in discussione nel controllo di secondo livello. Il Comune di S. Teresa, insieme ad altri comuni siciliani, ha proposto ricorso contro l’inefficienza della Commissione, avendo sostenuto dei costi per la redazione dei progetti fino al livello esecutivo.
Da segnalare come il 17 gennaio scorso il dirigente generale dell’assessorato regionale del Turismo, dello Sport e dello Spettacolo, dott. Alessandro Rais, aveva provveduto a nominare una nuova Commissione esaminatrice dei progetti relativi alla linea 3.3.2.1, anche alla luce delle protratte assenze dei componenti esterni, che avevano inficiato il lavoro della commissione stessa, e il mutamento dei Soggetti istituzionali che avevano il compito di delegare alcuni dei componenti. L’arrivo di nuovi membri potrebbe aver rimescolato le carte, laddove nella prima fase era stato omesso qualche controllo? I tempi per la nuova verifica dei requisiti di ammissibilità saranno brevi: non resta che attendere per poter ufficializzare l’arrivo dei tanto agognati fondi destinati al restyling dei campi da calcio e tennis di Bucalo.
Il Comune di S. Teresa di Riva si era piazzato al ventesimo posto con 51 punti nella graduatoria di merito: il finanziamento assegnato è pari ad 1mln 335mila euro. Il progetto esecutivo (clicca qui per approfondire) è stato redatto dall'Ufficio tecnico comunale con il supporto esterno dell'arch. Giuseppina Trimarchi. Responsabile unico del procedimento è il geom. Francesco Pagano.

Più informazioni: impianti sportivi  campo da calcio santa teresa  


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.