Domenica 25 Agosto 2019
Inaugurato il gioco donato dalla famiglia al paese in ricordo della giovane


Sant'Alessio, il sorriso di Noemi vivrà eterno con la "Casetta di Sara"- FOTO

di Andrea Rifatto | 23/12/2018 | ATTUALITÀ

1137 Lettori unici

Noemi, i palloncini lanciati ieri e il gioco

L’anniversario di un triste evento vissuto con una festa, per ricordare un sorriso che non c’è più. Il sorriso di Noemi Bonaventura, la giovane scomparsa il 19 dicembre di un anno fa per un malore improvviso. Ieri avrebbe compiuto 23 anni e la famiglia ha deciso di lasciare al paese un segno perenne del sorriso e della solarità della giovane, donando al Comune un gioco inclusivo per bambini, “La Casetta di Sara”, installato nel parco giochi “Giuseppe Quagliata” sul lungomare e inaugurato ieri mattina, alla presenza di familiari, amministratori, cittadini e tanti bambini. “Un anno fa abbiamo organizzato una raccolta fondi per la famiglia – ha ricordato l’assessore Alessandra Marisca – che ha voluto usare quelle somme, integrando la quota mancante per raggiungere l’importo necessario – acquistando un gioco che potrà essere utilizzato anche dai bambini diversamente abili”. L’Istituto comprensivo “Albino Luciani” di Messina, dove lavora la mamma di Noemi, Patrizia Smiroldo, ha invece donato degli alberelli piantati nell’area giochi. A leggere pensieri in ricordo della giovane è stata la cuginetta Sara, che propri ieri ha compiuto 8 anni. “Non possiamo che dire grazie alla famiglia Lo Monaco-Smiroldo per la loro umanità e per questo nobile gesto, la cosa positiva è che un grande dolore è stato trasformato in occasione di gioia per i bambini e anche per quelli meno fortunati – ha aggiunto il sindaco Giovanni Foti – non poteva esserci modo più bello per ricordare Noemi, la cui scomparsa ha rappresentato un momento di forte tristezza”.

Adulti e bambini hanno ricevuto in mano dei palloncini da papà Nino, da mamma Patrizia e dalla sorella Diletta, lanciati in cielo per salutare Noemi e dirle grazie per aver regalato sorrisi e felicità alla comunità alessese. A benedire “La Casetta di Sara” è stato il viceparroco di Sant’Alessio, padre Oscar Zoungrana, prima che i genitori e la sorella di Noemi scoprissero l’installazione, tra applausi e commozione. “Ringraziamo quanti ci sono stati vicini in questo anno e hanno partecipato all’iniziativa – ha detto Lo Monaco, consigliere comunale di maggioranza – continueremo a sorridere e il 22 dicembre di ogni anno organizzeremo un momento per Noemi”. Tra i presenti anche il vicesindaco di S. Alessio Franco Santoro, che prima ancora da amico che da amministratore ha ricordato come Sant’Alessio si sia stretto insieme in un momento di solidarietà dando testimonianza di un forte senso di comunità, e il sindaco di S. Teresa, Danilo Lo Giudice, che ha evidenziato come la scelta fatta dalla famiglia sia stato il modo migliore per ricordare il sorriso di Noemi e far sì che continui a regalare risate agli altri bambini.



COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.