Domenica 15 Dicembre 2019
Consegnati i lavori del terzo lotto fermi dal 2014. Lavori al via in piazza Gibbiazza


Sant'Alessio, si riparte con la barriera soffolta e la ricostruzione del lungomare

di Andrea Rifatto | 05/04/2018 | ATTUALITÀ

1546 Lettori unici

Direttore lavori, impresa, sindaco e vice in piazza Gibbiazza

Dopo il ripascimento, il completamento della barriera soffolta. Con la sistemazione di un’area del lungomare nel degrado da quasi dieci anni. Il litorale di Sant’Alessio Siculo è un cantiere in gran fermento e da lunedì prossimo lo sarà ancora di più con la ripresa dei lavori di realizzazione della barriera soffolta a protezione della costa. Ieri pomeriggio sono stati infatti consegnati gli interventi finali terzo lotto funzionale (primo stralcio esecutivo) fermi dal dicembre 2014 in seguito a criticità riscontrate dal collaudatore in corso d’opera per l’utilizzo del pontone noleggiato dall’impresa per la posa dei massi in mare. Una questione finita persino all’Autorità nazionale Anticorruzione e risolta nel 2016. Poi per un altro anno si è rimasti nel limbo con la preoccupazione che il finanziamento ottenuto dal Commissario straordinario per il rischio idrogeologico in Sicilia tramite fondi europei non fosse più disponibile, ma nei mesi scorsi è arrivata la buona notizia, con la conferma dei 3,2 milioni di euro iniziali e dell'ok definitivo alla variante da 80mila euro che consentirà di intervenire anche in piazza Gibbiazza. Ieri erano presenti alla consegna il sindaco Giovanni Foti; il vicesindaco con delega ai Lavori pubblici Franco Santoro; il direttore dei lavori, ingegnere Giuseppe Mallandrino, il responsabile unico del procedimento, l’architetto Gaetano Faranna dell’Ufficio tecnico comunale e i titolari della Sant’Alessio Opere Marittime Srl di S. Filippo del Mela, impresa esecutrice che ha già portato a compimento circa il 90% di quanto previsto dal progetto.

I lavori ripartiranno con la ricostruzione del muro in piazza Gibbiazza, all’estremità sud del lungomare, distrutto da una mareggiata del 2009, così da ridare decoro a quel tratto. Sarà realizzata una struttura a paratia e successivamente verranno ricostruiti il marciapiede e la ringhiera. Poi si passerà a completare gli ultimi 120 metri di barriera soffolta, 50 a nord e 50 a sud del litorale e altri 20 sotto il torrente Salice. Interventi che dovrebbero concludersi il 3 luglio, in contemporanea con il ripascimento della spiaggia, giunto al 50%. Camion, ruspe e polvere dovrebbero quindi sparire da Sant’Alessio prima dell’arrivo dei bagnanti, che potranno godere di un nuovo arenile.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.