Domenica 13 Ottobre 2019
Servirà per la lotta alla dispersione e per una migliore gestione della rete scolastica


Scuola, anagrafe degli studenti anche in Sicilia

di Andrea Rifatto | 19/07/2014 | ATTUALITÀ

1294 Lettori unici

Istituita con la legge 17 dell'8 luglio 2014

È stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana la legge n. 17 approvata lo scorso otto luglio, che istituisce anche in Sicilia l’Anagrafe regionale degli studenti, così come previsto dal D. Lgs. 15 aprile 2005, n. 76. L’Anagrafe consente, a livello regionale, l’adempimento delle competenze in materia di diritto-dovere all’istruzione e alla formazione, e la vigilanza sull’assolvimento di tale obbligo, in relazione ai percorsi scolastici, formativi e di apprendistato dei singoli studenti, a partire dal primo anno della scuola primaria. Lo strumento avrà diverse funzioni, a partire dal monitoraggio dell’evasione dell’obbligo di istruzione, degli abbandoni scolastici, della irregolarità di frequenza ed di ogni altro fenomeno riconducibile alla cosiddetta dispersione scolastica, intervenendo per prevenirla e ridurla attraverso l’innovazione e l’efficacia dell’offerta didattica. Tramite l’Anagrafe sarà possibile gestire l’organizzazione della rete scolastica, la programmazione e la razionalizzazione dei servizi di trasporto scolastico, il miglioramento della qualità dell’istruzione e dei livelli di apprendimento attraverso la realizzazione di interventi integrati di orientamento scolastico e professionale e di programmi finalizzati all’integrazione e alla formazione degli alunni diversamente abili.
Sarà utile, inoltre, per capire i reali fabbisogni del territorio in materia di edilizia scolastica: la Regione si avvarrà infatti delle informazioni raccolte al fine di supportare le attività programmatorie volte al miglioramento ed alla razionalizzazione dell’edilizia scolastica, così da individuare le tipologie di interventi prioritariamente finanziabili.
L’Anagrafe regionale sarà in stretto contatto con l’omologa nazionale, favorendo la circolazione e lo scambio di dati. Le istituzioni scolastiche statali e paritarie, gli enti locali, gli enti di formazione e l’Ufficio scolastico regionale dovranno comunicare, a partire dal primo anno della scuola primaria, i dati personali degli studenti che frequentano le scuole del territorio regionale, relativi all’intero percorso scolastico e formativo.

Più informazioni: anagrafe scolastica sicilia  


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.