Sabato 21 Settembre 2019
Dal Governo 326mila euro per i controlli sulla vulnerabilità delle strutture


Scuole, fondi a quattro comuni jonici per verifiche sismiche e progetti di adeguamento

di Andrea Rifatto | 23/08/2018 | ATTUALITÀ

1408 Lettori unici

La scuola di Cantidati a S. Teresa

Quattro comuni jonici hanno ottenuto in totale 326mila euro per la realizzazione delle verifiche di vulnerabilità sismica e la progettazione degli interventi di adeguamento negli edifici pubblici adibiti ad uso scolastico. La graduatoria complessiva definitiva è stata pubblicata dal Ministero della Pubblica Istruzione sulla base dei criteri definiti con il Dipartimento della Presidenza del Consiglio dei Ministri Casa Italia e con il Dipartimento della Protezione civile, a seguito di un avviso pubblico del marzo scorso. Entro il termine del 5 giugno sono pervenute al Miur 4.176 candidature da tutta Italia, molte delle quali dalla provincia di Messina. La graduatoria è finanziata dal Dipartimento Casa Italia per gli edifici scolatici ricadenti in zona sismica 1 in ordine di graduatoria e fino a concorrenza delle risorse disponibili, mentre per la restante parte è finanziata dal Ministero nei limiti delle risorse disponibili secondo l’ordine di graduatoria, riservando il 20% delle risorse agli edifici ricadenti nelle quattro regioni colpite dal sisma del Centro Italia.

Nella zona jonica finanziamenti per quattro centriS. Teresa riceve 104mila 912 scuola per la scuola di Cantidati, di cui9mila 837 per la verifica e 95mila 075 per la progettazione, con un cofinanziamento comunale di 5mila 523 euro e 55mila 943 euro per la scuola di Sparagonà, di cui4mila 505 per la verifica e 51mila 448 per la progettazione, con un cofinanziamento di 2mila 946 euro. Roccalumera ottiene 62mila euro per la scuola del Centro (cofinanziamento 3mila 100 euro) tutti da destinare alla progettazione esecutiva avendo già eseguito le verifiche di vulnerabilità sismica; fondi invece non sufficienti per le scuole media (richiesti 110mila 814), Allume (29mila 316) e Sciglio (29mila 983). Limina riceve 54mila 504 euro per il plesso di via Quasimodo, di cui 13mila 425 per la verifica e 41mila 079 per la progettazione; non ammessa per carenza di fondi l’istanza da 28mila 503 euro per l’asilo di via Monaco. A Mandanici assegnati 48mila 669 euro, cui 4mila 070 per la verifica e 44mila 599 per la progettazione, per la scuola di via Torrente Cavallo, con un cofinanziamento del Comune di 2mila 230 euro.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.