Martedì 23 Aprile 2019
L'associazione Asofa sollecita il saldo delle fatture al Distretto D32 di Taormina


Servizi non pagati, in quattro asili nido attività a rischio sospensione

di Andrea Rifatto | 30/01/2018 | ATTUALITÀ

953 Lettori unici

L'asilo nido di S. Teresa

A pagare i ritardi della burocrazia sarebbero soprattutto i bambini, “vittime” innocenti di una situazione paradossale che si trascina da mesi. A poco più di due settimane dal primo grido d’allarme l’Asofa, Associazione di solidarietà familiare con sede a Gaggi che lo scorso anno si è aggiudicata quattro gare d’appalto bandite dal Distretto socio-sanitario D32 di Taormina per attività migliorative e di ampliamento dei servizi offerti negli asili nido di Taormina, Savoca, S. Teresa di Riva e Francavilla di Sicilia, torna a chiedere il pagamento delle proprie spettanze per quanto fin qui svolto e avverte che se entro fine mese non verranno pagate le fatture, sospenderà tutte le attività nei quattro asili dal 3 febbraio. La nuova lettera, frmata dalla presidente di Asofa, Agatà Famà, è stata inviata al coordinatore del Distretto socio-sanitario D32 di Taormina, Giuseppe Cacopardo, ai sindaci di Taormina (Eligio Giardina), S. Teresa di Riva, (Danilo Lo Giudice), Savoca (Antonino Bartolotta) e Francavilla di Sicilia (Vincenzo Pulizzi) e al responsabile degli Uffici finanziari del Comune di Taormina, Rosario Curcuruto. “Vista la corrispondenza intercorsa con la quale si segnalavano i disagi dovuti ai mancati pagamenti e si sollecitavano le liquidazioni delle fatture emesse a seguito delle attività svolte – scrive Famà – viste le note dell’8 e 15 gennaio con le quali si segnalavano le gravi difficoltà gestionali ed economiche provocate dalla mancata liquidazione delle fatture e l’impossibilità di proseguire con regolarità ed efficacia le attività progettuali, preso atto che ad oggi nonostante le rassicurazioni informali non è stato dato alcun riscontro formale alle nostre legittime richieste, né sono state liquidate le fatture relative ai periodi di attività svolte, si chiede e sollecita la liquidazione delle somme”.

L’associazione gaggese attende il pagamento delle fatture dei periodi maggio-giugno-luglio 2017 per le attività svolte presso gli asili nido di Savoca e Francavilla, e dei mesi di settembre-ottobre-novembre-dicembre 2017 per i servizi resi nelle strutture per l’infanzia di Taormina, S. Teresa, Francavilla e Savoca. “In caso di mancata liquidazione entro il mese di gennaio delle fatture emesse per le attività già svolte nel 2017 – conclude la presidente – il 3 febbraio sospenderemo, nostro malgrado, tutte le attività, riservandoci ogni azione a nostra tutela”. Finora i vertici del sodalizio hanno ricevuto solo rassicurazioni verbali, fino a questa mattina, ma dopo la sospensione dei servizi annunciata per il 19 gennaio e poi rientrata su espressa richiesta dei sindaci, per evitare disagi alle famiglie, di concreto non c’è stato nulla. E così quasi 100 bambini rischiano di restare privi dei servizi aggiuntivi nei quattro asili nido, che rimarranno comunque aperti con gli orari e le attività garantiti dai Comuni, mentre oltre 30 unità di personale rischierebbero il posto di lavoro qualora i pagamenti tardassero ancora ad arrivare.

 “Il progetto è stato grazie ai 700mila euro ottenuti dal Distretto D32 provenienti Ministero dell'Interno tramite il Piano azione e coesione “Infanzia”, avviato con la finalitàdi integrare, potenziare e migliorare ulteriormente i servizi ludico-educativi e in particolare le potenzialità cognitive, affettive, relazionali e sociali dei bambini, di età compresa da 3 ai 36 mesi, in sinergia con le amministrazioni comunali e le famiglie, con un sostegno all’offerta di servizi da destinare prioritariamente a famiglie con basso reddito. I servizi sono previsti fino a giugno 2018 attraverso l’impiego di personale educativo e ausiliario nel numero di un operatore ogni sei bambini: tra le attività previste il prolungamento dell’orario di apertura e un servizio innovativo denominato “Mamma e papà in libera uscita”, ossia la possibilità, durante un giorno a settimana, di ospitare i bambini fino alle 22.30-23 per consentire alle famiglie qualche ora di svago. Oltre a ciò erano state avviate attività di intrattenimento e momenti ludico-didattici, animazione, escursioni didattiche e mensa scolastica, oltre a consulenza psicologica-psicoterapeutica, pediatrica, assistenza a diversamente abili, animazione. Lo stop dovuto ai mancati pagamenti priverebbe dunque le famiglie di servizi finora garantiti.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.