Mercoledì 13 Novembre 2019
Nuovo bollettino della Protezione civile regionale: arriva la fase critica


Sicilia orientale, allerta rossa per le prossime ore

di Redazione | 05/11/2014 | ATTUALITÀ

3714 Lettori unici | Commenti 1

È stato emanato dal Dipartimento regionale della Protezione civile un nuovo avviso per il rischio idrogeologico e idraulico valevole dalle 16 di oggi (mercoledì 5) alle 24 di giovedì 6 novembre. Facendo seguito all’avviso del 3 novembre, la Protezione civile prevede dalla mattina di domani (giovedi 6) e per le successive 24-36 ore, il persistere di precipitazioni diffuse, anche a carattere di rovescio o temporale. I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica e forti raffiche di vento. Si prevedono inoltre venti di burrasca dai quadranti meridionali, in intensificazione sino a burrasca forte: saranno possibili altresì mareggiate lungo le coste esposte.
Il rischio idrogeologico è passato dallo stato di preallarme (arancione) ad allarme rosso, livello più alto, in 5 delle 9 zone di allerta della Sicilia: Nord-Orientale (versante tirrenico) e isole Eolie, Sud-Orientale (versante Stretto di Sicilia), Sud-Orientale (versante ionico), Bacino del Fiume Simeto, Nord-Orientale (versante ionico). Le criticità attese per il rischio idrogeologico e idraulico possono comportare manifestazioni localizzate o diffuse di tipo sia geomorfologico (frane, colate detritiche) che idraulico nei bacini minori (esondazioni) specialmente in caso di condizioni strutturali inadeguate dei corsi d'acqua. In occasione di significativi rovesci di pioggia, che solitamente caratterizzano i fenomeni temporaleschi e di condizioni meteorologiche avverse, gli effetti al suolo possono risultare più gravosi del previsto con dissesti geomorfologici e piene improvvise e/o inondazioni anche nel reticolo idrografico minore e in ambito urbano.

Una tromba d'aria ha provocato ingenti danni nel catanese e in particolare al centro di Acireale, dove diverse coperture di edifici sono state divelte. La macchina della Protezione civile è già al lavoro per fornire assistenza alla popolazione colpita e gestire l'emergenza, in una corsa contro il tempo per ripristinare il possibile durante la tregua concessa dal maltempo. In queste ore violente precipitazioni stanno rendendo difficile la circolazione sull'autostrada A18 Messina-Catania, in particolare all'altezza dello svincolo di Giarre. 

Confermata la chiusura delle scuole nei centri della fascia jonica messinese (leggi qui i comuni interessati). Lezioni sospese anche a Messina, Milazzo e Catania. L'Università degli Studi di Messina,  facendo seguito all'ordinanza del sindaco del Comune di Messina, ha disposto la sospensione dell’attività didattica di tutto l’Ateneo per giovedì 6 novembre. Salvo ulteriori comunicazioni, invece, si svolgerà regolarmente l'attività amministrativa. La sospensione riguarderà anche le previste attività di selezione relative al TFA e le sedute di laurea, tutte rinviate a data da destinarsi. In considerazione della particolare gravità dell’allerta meteo diramata dalla Protezione Civile, il rettore dell'Università di Catania, Giacomo Pignataro ha disposto, a scopo precauzionale, la sospensione di tutte le attività didattiche (lezioni, esercitazioni, esami) nelle strutture dell'ateneo nei giorni 6 e 7 novembre.

Il sindaco di Gaggi, Francesco Tadduni, ha ordinato la chiusura delle scuole ricadenti nel territorio cittadino per il 6 e 7 novembre. A Francavilla di Sicilia, dove a causa delle forti piogge si sono verificati danni al tetto del palazzo municipale, scuole chiuse nella giornata di giovedì 6 novembre, in attesa dell'evolversi della situazione meteo, così come a Graniti.  

Ad Acireale, dove da domani le scuole resteranno chiuse, il sindaco Roberto Barbagallo e l’assessore alla Protezione civile Rory Pietro Paolo hanno proclamato lo stato di allerta meteo per le prossime 24/36 ore, consigliando di evitare ogni spostamento. Istituti scolastici sbarrati nella giornata di giovedì 6 anche ad Acicastello, San Giovanni La Punta, Viagrande, Sant'Agata Li Battiati, Tremestieri Etneo, Nicolosi, Riposto, Belpasso, Misterbianco.

 

 

I danni causati dalla tromba d'aria ad Acireale


Più informazioni: allerta meteo sicilia  maltempo novembre 2014  


COMMENTI

Pippo Sturiale | il 05/11/2014 alle 23:05:30

ATTENZIONE VERAMENTE: da giovedì tardo pomeriggio a venerdì, Acqua e vento possono fare danni! Che si chiudino le scuole il venerdì.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.