Domenica 18 Agosto 2019
Finanziati dalla Regione gli interventi di ripristino delle reti progettati da Anas


Statale 114, 2 milioni per la sicurezza dei costoni tra Messina e Giardini

13/12/2018 | ATTUALITÀ

464 Lettori unici

Il tratto di Capo Alì

Arrivano quasi 2 milioni di euro per mettere in sicurezza i costoni che sovrastano la Strada statale 114 nel tratto tra Messina e Giardini Naxos. L’Assessorato regionale delle Infrastrutture e della Mobilità-Servizio Infrastrutture viarie e sicurezza stradale ha firmato il decreto di finanziamento e impegno delle somme per i lavori di ripristino di rete parietale danneggiata lungo l’Orientale Sicula in tratti saltuari tra i chilometri 8,300 e 54,400, interventi programmati sulla viabilità di competenza dell'Anas e previsti dal Patto per il Sud a valere sul Fondo di Sviluppo e Coesione 2014-2020. Lo scorso 31 luglio il responsabile dell’Area Compartimentale Anas ha trasmesso alla Regione tutta la documentazione dell’intervento, tra cui il progetto esecutivo approvato a marzo, per un importo complessivo di 2 milioni 024mila euro, di cui 1 milione 640mila per lavori e 159mila 111 per somme a disposizione, di cui 30mila per spese per prove di laboratorio e verifiche tecniche, 20mila per rilievi, accertamenti, indagini e sondaggi, 83mila 511 per imprevisti, 25mila per spese di pubblicità e 600 per contributo Anac, oltre a 224mila 888 euro per oneri d'investimento. L’Assessorato delle Infrastrutture e della Mobilità ha però rivisto e corretto il quadro economico, eliminando le spese di pubblicità in quanto non costituiscono un costo per l'Amministrazione. L’importo totale del progetto è quindi sceso a un milione 995mila 874 euro, somme prelevate a valere sulle risorse Patto del Sud per l'esercizio finanziario 2019 della Regione siciliana. I lavori consentiranno di mettere in sicurezza diversi tratti di Statale 114 interessati spesso da frane e caduta massi, come ad esempio le zone di Capo Alì e Capo Taormina, con la sistemazione delle reti paramassi danneggiate e non più in grado di assolvere al loro compito di evitare crolli di materiale sulla sede stradale. Anas dovrà adesso indire la gara d’appalto e dopo la stessa è tenuta a trasmettere alla Regione il quadro economico post gara approvato; le economie derivanti dal ribasso d'asta costituiranno economie di spesa e verranno disimpegnate. La Regione eserciterà attraverso gli Uffici del Genio Civile le verifiche, gli accertamenti e i controlli di primo livello, sia documentali che in loco, sull’avanzamento e sulla qualità esecutiva delle opere.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.