Sabato 21 Settembre 2019
Appaltate opere per 8,9 milioni di euro. A breve la realizzazione della rotonda


Statale 114, aggiudicati i lavori di demolizione e ricostruzione del ponte Agrò

di Andrea Rifatto | 05/09/2019 | ATTUALITÀ

2306 Lettori unici

Il ponte Agrò tra S. Teresa e S. Alessio

Esattamente un anno fa, era il 4 settembre 2018, il ponte Agrò sulla Strada statale 114, tra S. Teresa e Sant’Alessio, veniva chiuso al traffico per criticità strutturali. Adesso c’è l’aggiudicazione dei lavori per la sua demolizione e ricostruzione, attesa da dieci anni, finanziata all’Anas dalla Regione con 8 milioni 966mila 250 euro, di cui 6 milioni 898mila 443 per lavori e un milione 071mila 556 per somme a disposizione, oltre a 996mila 250 per oneri di investimento, provenienti dal Patto per il Sud. A realizzare l’opera sarà il raggruppamento temporaneo di imprese Mit Costruttori Srl (capogruppo)-Consorzio Stabile Alveare Network-Cgc Srl-Bosco Italia Spa- Tecnolavori Srl, con sede ad Adrano (Ct), che ha offerto un ribasso del 31,171%. L’appalto è stato aggiudicato mediante il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa. Il contratto d’appalto non è stato ancora stipulato sembrerebbe per lungaggini burocratiche ma Anas conta di aprire il cantiere entro fine anno. Il progetto, redatto da due studi di progettazione di Torino e Nicosia, prevede l’abbattimento dell’attuale impalcato e delle pile di sostegno, con la ricostruzione dei pilastri in cemento armato e del nuovo ponte in acciaio e non in cemento armato precompresso, come previsto nel progetto preliminare, in quanto Anas e Genio civile hanno posto il veto per i nuovi viadotti sui corsi d’acqua ad interassi tra le pile inferiori a 40 metri e pertanto, dovendo mantenere l’allineamento con le pile del viadotto ferroviario, si è passati a lunghezze di campata doppie delle attuali, con cinque campate centrali da 45,70 metri e tre campate tra 20 e 22 metri.

La carreggiata sarà allargata e sul lato della ferrovia è prevista la realizzazione di una pista ciclabile, oltre ai marciapiedi e all’impianto di illuminazione con lampade a led su tutto il tracciato stradale, lungo 326 metri. La durata prevista dei lavori è 430 giorni: dunque dall’inizio degli interventi bisognerà attendere 14 mesi per la riapertura del ponte Agrò. Nel frattempo la circolazione proseguirà sulla passerella realizzata alla sul torrente. Durante i lavori sarà necessario chiudere per brevi periodi anche la strada che da S. Teresa lungo piazza Stracuzzi conduce alla frazioni di Savoca e la Strada provinciale 12 verso Limina: per non interrompere il transito il progetto prevede la realizzazione di due piste sterrate sulle sponde dell’Agrò, così a permettere ai mezzi di circolare Direttore dei lavori sarà l’ingegnere Cristiano Fogliano, capocentro Anas di Messina, mentre responsabile del procedimento è l’ingegnere Giuseppe Romano.

Intanto nei giorni si è tenuto un sopralluogo in piazza Stracuzzi per la realizzazione della rotatoria all’imbocco della passerella: all’incontro erano presenti il geometra Maurizio Ragazzi, caponucleo Anas, l’ingegnere Onofrio Crisafulli dell’Ufficio tecnico comunale e i progettisti dei lavori: il Comune ha già spostato il palo dell’illuminazione pubblica e dunque la rotonda dovrebbe essere realizzata entro ottobre.

Più informazioni: ponte agrò  passerelle provvisorie  anas  


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.