Venerdì 18 Ottobre 2019
La minoranza antillese scrive alla Città metropolitana e chiede interventi


Strade da incubo tra S. Teresa e Antillo, "Si rischia ogni giorno” - FOTO

di Redazione | 26/09/2018 | ATTUALITÀ

2184 Lettori unici

“Chiediamo un tempestivo intervento per rendere più sicure le strade provinciali che collegano la costa con Antillo e i comuni vicini, in grave stato di abbandono e senza ordinaria manutenzione”. A scriverlo sono i consiglieri del gruppo di minoranza consiliarare antillese, Romualdo Lo Conti, Giuseppe Muscolino e Salvatore Bongiorno, che hanno inviato una nota alla Città metropolitana di Messin per segnalare i pericoli rilevati sulle strade provinciali 12 di Roccafiorita (S.Alessio-Scifì-Limina-Roccafiorita), 15 di Passo Aranciara (Limina-Casalvecchio) e 19 Savochese (S. Teresa-Savoca-Casalvecchio-Antillo), allegando al documento protocollato a Palazzo dei Leoni numerose fotografie a testimonianza di quanto descritto. Documento che è stato consegnato anche ai sindaci della Val d'Agrò. “Vogliamo far notare che la nostra zona è penalizzata per la viabilità partendo dai punti più centrali come il ponte Agrò a salire verso i paesi interni – spiega il capogruppo Lo Conti – secondo noi lo sviluppo del territorio così facendo si ferma, penalizzando chi ci vive. Siamo pronti a batterci perché ciò non avvenga e diciamo ai vertici politici che oggi servono strade e non progetti nel deserto, senza senso di sviluppo”. I tre ricordano come Antillo, al pari di altri centri collinari, soffra la distanza con i punti nevralgici per alcuni servizi e luoghi di lavoro e tanti sono gli automobilisti che percorrono quotidianamente le strade provinciali, su percorsi pieni di insidie.

“Per migliorare quantomeno la sicurezza chiediamo interventi di primaria e ordinaria manutenzione che si possono effettuare in breve tempo e con basse risorse economiche – scrivono i tre consiglieri - e allo stesso tempo segnaliamo anche i punti in cui sono necessari interventi più consistenti con progettualità più complesse.  Confidiamo in un interessamento per continuare a garantire i servizi ed evitare isolamenti o danni gravi agli utenti delle strade dovuti alle precarie condizioni di alcuni tratti”. In particolare sono stati chiesti alcuni interventi urgenti: pulitura cunette di raccolta acque su tutte le tre strade indicate; manutenzione di muretti e guardrail; manutenzione dove necessario del manto stradale; pulitura e apertura di tutti i tombini o feritoie presenti sulle strade; miglioramento della segnaletica. “Necessitano interventi più consistenti e comunque urgenti il ponte “Polcheria” e il muro al bivio “Aranciara” sulla Sp 15 – concludono Romualdo Lo Conti, Giuseppe Muscolino e Salvatore Bongiorno – e in attesa di una pronta risposta con interventi in merito, rimaniamo a disposizione per un eventuale incontro per discutere in merito alla risoluzione del problema”.



COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.