Lunedì 27 Maggio 2019
Incontro a S. Teresa per esaminare gli iter di opere per centinaia di milioni


Strade, De Luca ai sindaci jonici: "Presto con i progetti o perdiamo i fondi"

di Andrea Rifatto | 09/03/2019 | ATTUALITÀ

745 Lettori unici

L'incontro al Palazzo della Cultura

“L’era dei pezzi di carta è finita, adesso bisogna passare ad attuare gli interventi e servono progetti cantierabili, altrimenti perderemo le ingenti risorse già assegnate”. Non ha usato mezzi termini ieri mattina il sindaco metropolitano Cateno De Luca, che al Palazzo della Cultura di S. Teresa ha incontrato i sindaci del comprensorio jonico, tra Giardini e Scaletta, per fare il punto sulle opere strategiche la cui realizzazione è prevista in diversi programmi di finanziamento, dal Patto per la Città metropolitana di Messina (Masterplan) al Patto per il Sud, dall’Accordo di programma quadro ad altre programmazioni comunitarie e regionali. Al suo fianco l’on. Danilo Lo Giudice, sindaco di S. Teresa; l’assessore Dafne Musolino della città di Messina, il vicepresidente dell’Assemblea territoriale idrica, Orlando Russo, sindaco di Castelmola; il coordinatore del Commissario di governo contro il dissesto idrogeologico, Salvo Puccio e i dirigenti e funzionari della Città metropolitana Francesco Roccaforte, Armando Cappadonia, Roberto Siracusano e Gaetano Maggioloti. “In ballo ci sono quasi 500 milioni di euro di fondi da spendere e ne arriveranno altrettanti – ha esordito De Luca – e non possiamo farci trovare impreparati. Entro il 31 dicembre 2021 le opere vanno appaltate e non ci possiamo permettere di arrivare al limite ultimo e perdere le risorse”.

Il nodo cruciale è la redazione dei progetti esecutivi, che spesso vede i Comuni andare in difficoltà per la carenza di professionalità interne e fondi. “La Città metropolitana da oggi si propone come sportello di interlocuzione tra la Regione, il Commissario contro il dissesto idrogeologico e i Comuni – ha detto il sindaco – dobbiamo già muoverci per pensare come impiegare 70-80 milioni di euro che si renderanno disponibili grazie ai ribassi d’asta e che vanno riprogrammati in modo da poter essere spesi con progetti cantierabili”. L’argomento principale affrontato all’incontro è stato quello della viabilità provinciale: in corso ci sono iter per un totale di 16 milioni 053mila euro di interventi, a valere per 8,8 milioni sul Masterplan, 4,4 milioni sull’Apq, 1,4 milioni sul Patto per il Sud e 1,3 milioni sul Programma 2018/2019 della Città metropolitana, finanziato con i fondi della Lr. 9/2015 e della delibera di Giunta regionale 310/2018. Al momento il 49% degli interventi è appaltato o in corso di appalto, per un totale di 7,9 milioni, il 16% (2,6 milioni) con progetto esecutivo pronto o in corso di redazione mentre per il 35% delle opere (5,6 milioni) ci sono criticità e bisogna rimodulare i progetti. “Abbiamo iniziato con le strade intercomunali, entro luglio dobbiamo individuare dei gruppi di comuni dove programmare l’uso delle risorse per altre opere di valenza sovracomunale e condivise, così da andare oltre i confini dei singoli centri – ha aggiunto De Luca – serve lungimiranza e non conflitti e campanilismi. Purtroppo viviamo in una situazione paradossale in cui la Città metropolitana non ha risorse per la manutenzione delle strade e per completare i progetti e quei soldi che ci sono non possono essere ancora utilizzati perché non c’è il bilancio”. Per il Bando Periferie De Luca ha ottenuto per il 19 marzo un incontro con Cassa Depositi e Prestiti per discutere della concessione delle anticipazioni ai Comuni per avere la liquidità necessaria ad iniziare i lavori, mentre per i progetti inseriti nel Patto per il Sud Puccio ha esortato i sindaci a collaborare integrando gli elaborati esecutivi laddove assenti.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.