Martedì 22 Ottobre 2019
Individuate dalla Protezione civile come vie di fuga: 35 opere per circa 43 milioni di euro


Strade secondarie, ecco gli interventi previsti in provincia di Messina

di Andrea Rifatto | 10/12/2014 | ATTUALITÀ

1669 Lettori unici | Commenti 1

Garantire adeguati standard di sicurezza nelle aree a più elevato rischio naturale. È l’obiettivo del Piano regionale delle vie di fuga, redatto dal Dipartimento di Protezione civile per programmare una serie di opere di adeguamento e potenziamento della viabilità secondaria in determinate aree del territorio siciliano. In ogni provincia è stato stilato un elenco delle priorità: secondo quanto riportato nel decreto firmato nei giorni scorsi dal dirigente generale del Dipartimento regionale di Protezione civile, ing. Calogero Foti, in provincia di Messina gli interventi inseriti nel Piano sono 35, per un importo complessivo di 43.179.718,23 euro.
Il Piano regionale è stato approvato dalla Giunta Crocetta nel maggio di quest’anno: per la realizzazione degli interventi si punta ad utilizzare gli strumenti finanziari previsti dal Po Fesr Sicilia 2007/2013 – Linea di intervento 1.1.4.2 “Adeguare la funzionalità della viabilità secondaria”, volta alla riqualificazione delle arterie meno utilizzate attraverso la definizione di piani provinciali che individuino le carenze strutturali e funzionali del sistema e indichino i possibili interventi con riferimento alle esigenze di mobilità e sicurezza sulla rete viaria, in particolare nelle aree più a rischio naturale.
Gli interventi previsti in provincia di Messina sono stati giudicati coerenti con gli obiettivi e i requisiti previsti dall’Obiettivo operativo 2.3.1 del Po Fesr, su cui si è trasferita la Linea 1.1.4.2, e dichiarati ammissibili alla rendicontazione dei fondi strutturali. Già nel 2007 il Cipe aveva assegnato alla Sicilia una prima quota di 500 milioni di euro a carico del Fondo per le Aree Sottoutilizzate, per il finanziamento degli interventi di viabilità secondaria; in base alla disponibilità dei fondi europei si procederà adesso a finanziare i progetti inseriti nel Piano. In larga parte si tratta di lavori di ammodernamento, messa in sicurezza e sistemazione di strade provinciali di collegamento; previsti anche interventi di completamento di opere già avviate e realizzazione di nuove infrastrutture viarie.

Interventi previsti in provincia di Messina


Gli interventi previsti nella riviera jonica messinese

- Alì: Lavori di ammodernamento, adeguamento e messa in sicurezza delle strade provinciali 28 e 29 (dalla Ss 113-Alì-Convento Cappuccini-Itala Croce-Itala Ss 113) per il miglioramento della viabilità per la valorizzazione della riserva naturale Monte Scuderi – costo totale 2.242.500 euro 

- Forza d’Agrò: Lavori di sistemazione e messa in sicurezza della Sp 16 nel comune di Forza d’Agrò - costo totale 600.000 euro

- Mandanici: Lavori urgenti per la messa in sicurezza della Sp 25 nel comune di Mandanici - costo totale 700.000 euro

- Mongiuffi Melia: Lavori di manutenzione straordinaria e messa in sicurezza del piano viabile della Sp 11 nel comune di Mongiuffi Melia - costo totale 330.000 euro 

- Mongiuffi Melia: Lavori di sistemazione e messa in sicurezza della Sp 11 in prossimità dell’abitato di Melia - costo totale 200.000 euro

- Taormina: Lavori di sistemazione e messa in sicurezza della Sp 10 Taormina-Castelmola - costo totale 800.000 euro

Più informazioni: strade secondarie  vie di fuga protezione civile  


COMMENTI

Giuseppe Celi | il 13/12/2014 alle 11:53:13

Peccato che le cose non stanno così, stiamo parlando di interventi che sono stati già eseguiti nel periodo 2008/2010 e che sono inseriti nel DDG 490 solo per essere redicontati.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.