Lunedì 15 Luglio 2019
La deputata regionale ha chiesto un'ispezione urgente a Regione e Genio civile


Taormina. Acqua torbida a Trappitello, Zafarana (M5S): "Situazione inaccettabile"

28/01/2016 | ATTUALITÀ

1033 Lettori unici

Valentina Zafarana

Il problema dell’acqua torbida a Trappitello, frazione di Taormina, continua a causare disagi alla popolazione. Il Movimento Cinque Stelle ha deciso di affrontare la questione con la parlamentare messinese all'Ars Valentina Zafarana, che ha scritto direttamente al Genio civile di Messina e al Dipartimento Acqua e Rifiuti dell'assessorato regionale dell'Energia e dei Servizi di pubblica utilità per chiedere la verifica delle cause dell'intorbidamento delle acque attinte dal pozzo “Santa Filomena”. Dal lontano 2011, infatti, gli abitanti della frazione di Trappitello non possono utilizzare regolarmente un bene primario qual è l’acqua. La somministrazione idrica ha subìto negli anni interruzioni e gravissime alterazioni a causa di una torbidezza dell’acqua che ormai si presenta non solo in coincidenza di eventi straordinari ma diventa una costante. Adesso la Zafarana e il gruppo Cinque stelle di Taormina chiedono l’intervento ispettivo urgente da parte degli enti in indirizzo.

“E’ una situazione inaccettabile – afferma la parlamentare M5S –: dopo più di quattro anni dall’insorgere dei primi fenomeni, ancora oggi non si è trovata una soluzione definitiva al problema. L’analisi dei documenti che abbiamo portato avanti in questi mesi ci ha permesso di ricostruire tutti gli avvenimenti che hanno portato alla situazione attuale, oltre che ad individuare, a nostro parere, precise responsabilità. Adesso devono essere le autorità regionali a intervenire per spazzare via ogni dubbio, verificando le reali cause del problema e proponendo, nel minor tempo possibile, una soluzione stabile e duratura. Subito dopo, ovviamente, ci aspettiamo vengano presi seri provvedimenti nei confronti degli stessi responsabili. Chiediamo, dunque – conclude Zafarana – l’intervento della Regione, in particolare con riferimento all'esistenza o meno nell'area interessata di trivellazioni di profondità tali da consentire il permanente collegamento tra le acque di ruscellamento ed i livelli idrici sottostanti; nonché una completa mappatura di tutti i pozzi, di qualsiasi natura e tipo di realizzazione essi siano, che servano per approvvigionamento pubblico o privato, sia di acqua da destinare ad uso irriguo che potabile, esistenti nell'intera frazione di Trappitello o che, comunque, possano, eventualmente, incidere con la falda cui attinge il c.d. ‘pozzo gemello’ costruito nel 2012”.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.