Martedì 23 Luglio 2019
Il Comune prova a recuperare le somme. Ma il Consorzio non naviga in buone acque


Taormina. Il Cufti chiude gli uffici, ma lascia un buco da 300mila euro

di Andrea Rifatto | 17/07/2014 | ATTUALITÀ

3866 Lettori unici | Commenti 5

L'edificio che ha ospitato la sede taorminese

Il Consorzio Universitario per la Formazione Turistica Internazionale, ente di riferimento dell'ex deputato nazionale Carmelo Briguglio, sembra essere piombato in una situazione di declino. Da alcuni mesi la sede centrale di Taormina ha chiuso battenti, lasciando nelle casse del Comune, proprietario dell’immobile, un buco che già al 30 maggio 2013, secondo i calcoli di Palazzo dei Giurati, ammontava a 299.242,03 euro. Somme che nonostante l’avvio del procedimento di sfratto per morosità da parte dell’amministrazione comunale del sindaco Eligio Giardina, il Cufti non ha mai versato. Ma c’è di più: l’ente di formazione professionale, per rientrare in parte dal debito, aveva provato a cedere al Comune di Taormina un presunto credito vantato nei confronti della Regione Sicilia, per un importo di 148.219,55 euro: somme che però la Regione non hai mai liquidato, bollando come nullo l’atto di cessione del credito, risalente al dicembre 2012. Secondo quanto comunicato dall’avv. Davide La Rosa, legale del Comune della Perla, lo scorso 12 giugno, il Consorzio ha liberato i locali di contrada Sant'Antonio, rendendo dunque non necessaria l’attivazione dello sfratto per morosità. Ma il permanere della situazione debitoria ha portato il Comune ha proporre ricorso per l’emanazione di decreto ingiuntivo, volto a recuperare le somme delle quali il Cufti è debitore. L’incarico legale è stato conferito all’avv. La Rosa, con studio in Taormina, che ha presentato un preventivo di parcella per competenze professionali dovute per un corrispettivo totale di 2.844,81 euro. Somma che sarà liquidata dall’Ufficio Contenzioso solo al termine del grado o della fase del giudizio.
L’ente intanto da Taormina è approdato a S. Teresa di Riva, dove sono attivi al momento i corsi di formazione. Ma la situazione non è delle migliori: da un anno e mezzo oltre trenta dipendenti attendono il pagamento delle mensilità, e negli ultimi quattro-cinque mesi i contratti di lavoro sono stati ridotti da tempo indeterminato a contratti di solidarietà, passando così da 36 a 18 ore lavorative. Aspetti che pare siano sotto la lente di ingrandimento degli Ispettorati del Lavoro di Messina e Catania. E la ventilata ipotesi di una chiusura dell’ente il 31 ottobre prossimo, quando si concluderanno i corsi, sembra prendere sempre più piede.

Più informazioni: cufti taormina  


COMMENTI

Nino Verde | il 19/07/2014 alle 01:48:56

ECCO COME SI AMMINISTRANO IN MODO TRASPARENTE I BENI DELLA COMUNITA'. POLITICA E FORMAZIONE PROFESSIONALE UN AFFARE DI FAMIGLIA, COME GENOVESE. MA COME L'EX DEPUTATO NON TUONAVA AI QUATTRO VENTI ESEMPI DI GRANDE MORALITA'? LUI BOCCHINO GRANATA E FINI GRANDI MORALISTI, GLI ALTRI NEL CENTRODESTRA DISONESTI E SEGUACI DEL BERLUSCA. RISULTATO FINALE "CASA DI MONTECARLO" AFFARE DELLA FAMIGLIA FINI, CUFTI FORMAZIONE PROFESSIONALE AFFARE DELLA FAMIGLIA DELL'EX DEPUTATO, DUE GRANDI ESEMPI DI MORALITA'. MENO MALE CHE NON E' STATO ELETTO SINDACO SE NO ... POVERA TAORMINA!!!

alfio russo | il 05/11/2014 alle 12:37:33

noi che abbiamo seguito i corsi del cufti, fatti malissimo, aspettiamo ancora i soldi dall' ente!!!

Corsista Cufti | il 05/11/2014 alle 23:34:28

Aspettiamo ancora i soldi dei corsi, noi ex (PER FORTUNA) studenti

Delusa da CUFTI | il 19/11/2015 alle 21:07:12

Oltre ad aspettare i soldi del corso (aspetta e spera si dice), l'attestato/diploma del corso dove si deve richiedere? A chi indirizzare le richieste di documentazione frequenza?

Lidia lidia | il 22/03/2016 alle 14:21:30

Anche io ho fatto il corso di assistenza all'infanzia nel 2010 e aspettiamo ancora i soldi..ma per richiedere l'attestato? A chi dovrei rivolgermi adesso?

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.