Domenica 22 Settembre 2019
Legambiente Sicilia segnala la fragilità del monumento e chiede il rispetto delle regole


Taormina, “Teatro Antico trasformato in un’arena per concerti: basta con questo scempio”

27/05/2016 | ATTUALITÀ

2482 Lettori unici | Commenti 3

Uno spettacolo al Teatro Antico di Taormina

“Il Teatro antico di Taormina, il sito culturale più visitato della Sicilia con oltre 600mila ingressi, è diventato uno stadio per ospitare concerti rock e pop, con afflussi molto consistenti e incontrollati di spettatori e nessuno si preoccupa della fragilità del monumento, uno dei più delicati e precari, già sotto pressione per l’usura causata dagli eccessivi flussi antropici legati alla semplice fruizione”. È quanto dichiara Gianfranco Zanna, presidente di Legambiente Sicilia. “Nessuno si preoccupa della fragilità del monumento, uno dei più delicati e precari, già sotto pressione per l’usura causata dagli eccessivi flussi antropici legati alla semplice fruizione. È da anni – continua Zanna – che chiediamo un suo uso corretto, che dovrebbe prevedere l’organizzazione di eventi consoni al sito culturale. Nulla è stato fatto. Al contrario, il cartellone di concerti e manifestazioni è cresciuto a dismisura. È da più di quindici anni che si conosce lo studio del Centro per il restauro che descrive nella 'Carta del rischio' le minacce che incombono sul teatro: le fortissime vibrazioni causate dagli impianti di amplificazione, il montaggio e lo smontaggio delle strutture per i concerti, hanno creato e creano minacce e pericoli alle strutture antiche della cavea, aggravano i numerosi degradi causati da errati interventi di restauro più accentuati nel portico superiore e nella galleria inferiore".

Cosa aspettano l’assessore ai Beni culturali e il Soprintendente di Messina a fermare questo scempio? Aspettano forse qualche spiacevole episodio con qualche crollo? Per poi magari piangere lacrime di coccodrillo? Perché al teatro di Taormina non si applicano le regole opportunamente stabilite dalla Soprintendenza di Siracusa per il teatro della città aretusa? C’è da 15 anni – conclude il presidente di Legambiente Sicilia - un Protocollo di conservazione e delle Linee guide per un uso corretto del teatro di Taormina, che delineano le misure per armonizzare l’efficienza della macchina teatrale con la salvaguardia dell’identità culturale e storico-costruttiva del monumento. Chiediamo che vengano finalmente rispettati e applicati”.


COMMENTI

Carmelo Costa | il 28/05/2016 alle 11:28:20

Non si sentiva proprio il bisogno di queste fesserie dette dal Sig. Zanna che forse si vuole mettere in mostra in vista di prossime elezioni. I concerti di Artisti contemporanei al Teatro Antico di Taormina riguardano circa il 20% delle giornate impegnate: basta scorrere il calendario per scoprirlo! E vengono organizzati da professionisti senza che mai si sia verificato alcun danno, neanche potenziale, senza mortificare il prestigio del monumento e la sua salvaguardia, come risulta dai documenti dell'Ente Parco di Naxos. Inoltre producono un notevole ritorno economico e promozionale sul territorio e valorizzano lo stesso Teatro. Il Sig. Zanna dovrebbe occuparsi d'altro.

Nino | il 28/05/2016 alle 15:07:18

L'arena di Verona allora? Non sono d'accordo con quanto espresso dal rappresentante di Legambiente, suggerisco di portare avanti battaglie riguardanti la bonifica dell'eternit ad esempio

Salvo Zagarella | il 29/05/2016 alle 03:07:18

Questi ambientalisti sono peggio dei talebani...aloni meriterebbero la forca per l'estremismo con cui affrontano certe questioni...però poi abbiamo gioielli e reperti altrettanto validi e lasciati al'lincuria assoluta. Ho l'impressione che questa gente ha viaggiato solo in fotografia perché in altri paesi in tutto il mondo anche se trovano un escremento di tirannosauro ben conservato in un ghiacciaio lo fanno diventare monumento nazionale e per giunta lo mostrano a tutti speculando sull'indotto. E il caso di dire che molto spesso le genti perdono l'occasione per star zitti

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.