Martedì 23 Luglio 2019
Consegnati all'impresa i lavori di ampliamento. I nuclei disagiati non pagheranno la retta


Tariffe azzerate e 50 posti dal 2016, le novità del nuovo asilo nido di S. Teresa

di Andrea Rifatto | 27/07/2015 | ATTUALITÀ

1343 Lettori unici

La consegna dei lavori avvenuta stamane

Sono stati consegnati stamane i lavori di ampliamento e adeguamento funzionale e bioclimatico dell’asilo nido comunale di S. Teresa di Riva. Ad illustrare alla stampa gli interventi e le novità che riguarderanno la struttura di via Fratelli Lo Schiavo erano presenti il sindaco Cateno De Luca, l’assessore alla Pubblica Istruzione, Annalisa Miano, il responsabile dell’Area tecnica, geom. Franco Pagano, l’ing. Francesco Caminiti, direttore dei lavori, il titolare della ditta appaltatrice, la Edil House di Paternò, Marco Antonio Anicito e l’ing. Antonino Signorello, direttore tecnico dell’impresa catanese. L’edificio di via Fratelli Lo Schiavo sarà interessato da lavori di ampliamento della superficie utile, che passerà da 385 a 460 m2, tramite la costruzione di due nuovi corpi di fabbrica su due lati corti della struttura e lo spostamento verso il cortile esterno di una parete prospiciente la via Lo Schiavo; è prevista la costruzione di una tettoia frangisole della superficie di 75 m2 a protezione dell’ingresso, l’installazione di nuovi infissi, la coibentazione del solaio di copertura, la posa di una nuova pavimentazione e la realizzazione di un impianto di climatizzazione. Gli interventi sono finanziati dall’assessorato regionale della Famiglia e delle Poliiche sociali, che il 19 marzo scorso ha firmato il decreto che ha stanziato la somma di 526mila euro, a cui si aggiunge un cofinanziamento messo a disposizione dal Comune pari a 48mila 419 euro, per un totale di 574mila 419 euro. L’istanza era stata presentata dalla precedente amministrazione comunale, che nel 2009 aveva partecipato ad un bando regionale a valere sui fondi del Po Fesr Sicilia 2007/2013 (Obiettivo operativo 6.3.1.3) e del Fondo Sviluppo e Coesione 2007. Al termine dei lavori, come ricordato dal sindaco De Luca, l’asilo nido di via Fratelli Lo Schiavo potrà ospitare 46 bambini rispetto ai 36 posti attuali ma non solo: grazie alle nuove normative in materia scolastica sarà possibile infatti incrementare a 50 unità il numero di utenti che potranno frequentare la struttura, con l’assegnazione di novo personale comunale. Per la gestione triennale il Comune ha ottenuto un ulteriore contributo di 75mila euro e per un periodo non inferiore a 10 anni non potrà alienare o cedere il bene nè tantomeno modificarne la destinazione d’uso. 

L’Esecutivo santateresino ha inoltre stabilito di modificare il regolamento comunale dell’asilo nido rimodulando l’applicazione delle tariffe: “Abbiamo ridotto da 20 a 6 le aliquote basate sul reddito del nucleo familiare dell’utente– ha spiegato il primo cittadino – prevedendo che le famiglie che non percepiscono alcun reddito modo saranno esonerare totalmente dalla tariffa. Ciò comporterà un aumento della quota a carico dei nuclei che invece non si trovano in situazioni di difficoltà”. “Sarà un centro di eccellenza sul territorio di S. Teresa di Riva – ha dichiarato l’assessore Annalisa Miano – su cui l’amministrazione punta per aumentare sensibilmente la qualità dei servizi offerti ai cittadini”. Tra le novita esposte oggi anche la possibilità di concedere in gestione l’asilo nido comunale a enti privati durante i mesi estivi, così da rispondere alle richieste che giungono dalle famiglie e garantire la prosecuzione del servizio anche nel periodo in cui il Comune non può occuparsene.

La ditta che ha preso in consegna i lavori, aggiudicati per l’importo di 276mila 469 euro compresi oneri per la sicurezza e manodopera, derivante da un ribasso pari al 38,7353% sulla base d’asta di 363mila 359 euro, dovrà riconsegnare l’opera ultimata entro 150 giorni, dunque a fine 2015. Nel frattempo l’asilo nido, su proposta dell’assessore Miano, è stato trasferito per tutta la durata dei lavori nei locali del Palazzo della Cultura-Villa Crisafulli Ragno, dove dal primo settembre, alla riapertura, sarà garantito anche il servizio mensa, svolto con il personale comunale utilizzando il centro di cottura attivo nella vicina scuola elementare “Felice Muscolino”. La ditta appaltatrice provvederà nei prossimi giorni a traslocare a Villa Ragno arredi e attrezzature del nido.


Più informazioni: asilo nido santa teresa  


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.