Domenica 22 Settembre 2019
Donato dal Leo Club al Comune. Previsti nuovi blitz contro i proprietari


"Teniamo S. Teresa pulita": arriva il dispenser per le deiezioni canine

di Andrea Rifatto | 06/07/2015 | ATTUALITÀ

1482 Lettori unici | Commenti 2

Miano, M. Foti, Migliastro, De Luca, F. Foti, Bonfiglio

Mantenere pulita la città partendo da piccole ma significative buone abitudini. Si inquadra in quest’ottica l’iniziativa avviata dal Leo Club S. Teresa di Riva, che ha donato oggi al Comune un dispenser di sacchetti per la raccolta delle deiezioni canine. Un progetto che segue il tema distrettuale di quest’anno dei Leo Club siciliani, impegnati nel comune obiettivo di dare un aspetto migliore alle città, intervenendo con azioni concrete per renderle più pulite e vivibili. Stamane in municipio erano presenti il sindaco Cateno De Luca e gli assessori Annalisa Miano (Piccole cose) e Giovanni Bonfiglio (Igiene e Sanità), mentre il Leo Club santateresino era rappresentato dal presidente uscente Giuseppe Migliastro, da Federica Foti, neo presidente, e dalla socia Marina Foti.
I Leo, durante l'anno sociale appena conclusosi sotto il coordinamento di Migliastro, hanno deciso di autotassarsi per donare alla collettività un utile presidio, scegliendo, su proposta della segretaria Mariausilia Franchina, di acquistare il dispenser per sacchetti. Il dispositivo verrà installato in piazza Marina Militare Italiana, sul lungomare nel quartiere Bucalo, spazio che, di concerto con l’Amministrazione comunale, è stato individuato come luogo assiduamente frequentato da bambini e da adulti con animali di affezione: consentirà ai possessori di cani di ritirare gratuitamente un sacchetto da utilizzare per raccolta delle deiezioni, evitando così l'insorgere di problemi di natura igienico-sanitaria. “Con la somma raccolta – ha spiegato oggi Giuseppe Migliastro – siamo riusciti ad acquistare un solo dispositivo, ma è un primo passo per sensibilizzare i cittadini ad un maggior rispetto della città e del decoro urbano”. La neo presidente Federica Foti ha sottolineato come anche durante il suo mandato proseguiranno i rapporti del Leo Club con il Comune, con cui verranno avviate altre iniziative in uno spirito di massima collaborazione. Il sindaco Cateno De Luca ha invece ringraziato i Leo per aver voluto dare un messaggio forte alla comunità e in particolare ai proprietari di cani: “Far rispettare la nostra città e soprattutto tutelare la salute pubblica dei cittadini sono per noi obiettivi prioritari – ha dichiarato il sindaco – e come già fatto lo scorso anno interverremo a breve con nuovi blitz contro i detentori di animali a quattro zampe che non rispettano le regole”. Il primo cittadino non ha escluso che se l’iniziativa dovesse avere riscontri positivi, nei prossimi mesi si procederà con l’acquisto di una ventina di nuovi dispenser da installare in vie e piazzecittadine.

Un esempio di cittadinanza attiva che si ricollega a quanto ha già formalizzato l’esecutivo santateresino, che ha redatto un regolamento per l’istituzione di interventi e progetti di utilità civica (Puc), oggi all'esame del Consiglio comunale. Cittadini, associazioni, comitati di quartiere ed enti del terzo settore potranno scegliere di valorizzare una porzione di territorio migliorandone la vivibilità urbana mediante il potenziamento della piccola manutenzione e realizzando interventi riqulificativi. Il Comune, in cambio, prevederà forme di riduzione o esenzione dei tributi comunali o, nel caso delle associazioni, concederà contributi economici corrispondenti alla somme delle esenzioni/riduzioni.


COMMENTI

maria | il 06/07/2015 alle 16:23:41

Si, si...solo parole sanno fare a S. Teresa di Riva. Il sindaco e questa squadra sempre in prima linea su tutti i social, perché non si fanno una passeggiata sul lungomare dove si muore dalla puzza di fogne, non ci si può sedere ai bar che le blatte e i topi la fanno da padroni.... la disinfestazione non si fa a luglio quando la gente è tutta fuori ma si comincia a maggio e caso mai a luglio si fa l'ultima...!!!! mai più in ferie in questo paese dove in un B&B molto bello tra l'altro abbiamo respirato solo aria di cassonetti maleodoranti lungomare con marciapiede da paura, muretto pieno di blatte, mare e spiaggia sporca e puzza di fogna. Ma che schifo!!!!

Pippo Sturiale | il 07/07/2015 alle 07:53:28

Che ci siano problemi, non si può negare: si possono alleviare, ma se non inizia la raccolta porta a porta (comprensiva di umido), se non si eliminano i cassonetti ... è quasi fisiologico che periodicamente puzzino. Il guaio è che la gestione non (oggi sono diplomatico!) è al top! Ma la notizia era su una quisquilia, una pincillacchera, non mancano certo sacchetti di plastica in ogni casa di un padrone di cani ... manca il rispetto per gli umani ... LA CIVILTA'! Questo è il problema. Ma non sono previste sanzioni per chi non si dota di quanto serve per la pulizia!?? Credo che faccia più danno la deiezione (=la cacchina) che il padrone non raccoglie della macchia lasciata sulle strisce blù senza ticket: la multa credo sia più salata nel primo caso. La polemica mi piace, ma solo quando tende a costruire, ma qui mi pare che si tratti forse di concorrenza sleale o diffamazione; infatti che le blatte, nostrane, germaniche o americane, amino stare sui muretti non mi pare sia verosimile per chi conosce i loro habitat!

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.