Giovedì 24 Ottobre 2019
Diverse scosse nelle prime ore del giorno. La più intensa di magnitudo 4 alle 5.20


Terremoto, trema lo Stretto di Messina

di Sikily News | 23/12/2013 | ATTUALITÀ

1882 Lettori unici | Commenti 2

Una scossa di terremoto di magnitudo 4 è stata registrata alle 5:20 nello stretto di Messina, davanti alle coste siciliane e calabresi. Il sisma ha avuto ipocentro a 7,3 km di profondità ed epicentro in prossimità di Messina e dei comuni reggini di Campo Calabro e Villa San Giovanni. La scossa è stata avvertita distintamente dalla popolazione a Messina e Reggio Calabria, ma anche da comuni situati nel raggio di 20 km dall’epicentro, come Calanna, Fiumara, Laganadi, San Roberto, Sant’Alessio in Aspromonte, tutti i provincia di Reggio Calabria. In provincia di Messina i movimenti tellurici sono stati avvertiti a Monforte San Giorgio, Roccavaldina, Rometta, Saponara, Scaletta Zanclea, Spadafora, Valdina, Venetico e Villafranca Tirrena. Numerosi abitanti spaventati sono scesi in strada. Il centralino dei Vigili del Fuoco è stato tempestato dalle telefonate di persone allarmate. La Protezione civile ha informato che al momento non vengono segnalati danni a persone o cose. Alla prima scossa ne sono seguite altre: alle 5:58 una replica di magnitudo 2.8, con ipocentro a 4,3 km di profondità ed epicentro in prossimità di Messina, Reggio Calabria e Villa San Giovanni. Alle 7.40 un’altra scossa con magnitudo 2 con ipocentro sempre nel distretto sismico dello Stretto di Messina. Movimenti sismici anche nei golfi di Patti e di Milazzo, con una scossa di magnitudo 2.4 di profondità 10.6 km che è stata avvertita soprattutto nei comuni di Falcone, Montagnareale, Oliveri e Patti.

Più informazioni: terremoto  stretto di messina  messina  


COMMENTI

Salvatore Coglitore | il 23/12/2013 alle 09:40:29

5:20 Esattamente la stessa ora del terremoto del 1908!!!

Pippo Sturiale | il 24/12/2013 alle 07:20:51

Quasi la stessa ora! Erano allora le 5.21: io però non c'ero. Comunque la scienza non considera le coincidenze, ma solo cause ed effetti. Per le cause non mi pare nella nostra possibilità poterle, allo stato, eliminare ... e non so se ci converrebbe perché la fluidità del nucleo serve anche per il magnetismo terrestre e, quindi, per la protezione dai raggi cosmici. Cerchiamo solo di non rompere equilibri consolidati: i terremoti sono un mezzo per avere, dinamicamente, un nuovo equilibrio dopo l'accumulo di tensioni. Per gli effetti costruiamo in luoghi stabili e con metodi antisismici: è qui che dobbiamo usare tutta la nostra scienza e conoscenza. Viviamo, nel nostro comprensorio, tra Capo Alì e Capo S. Alessio, in un'area ballerina, ma si tratta di balli "lenti", non di "rock and roll" .... quindi tranquilli e ...... BUONE FESTE !

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.