Giovedì 12 Dicembre 2019
Il dirigente dell'ufficio turistico Allegra ha illustrato i dati all'assessore Stancheris


Turismo: presenze in crescita tra Taormina e Giardini

03/12/2013 | ATTUALITÀ

2603 Lettori unici

Antonio Allegra, responsabile Ufficio Turistico di Giardini

L'assessore regionale al Turismo, Sport e Spettacolo Michela Stancheris ha incontrato a Palazzo d'Orleans i rappresentanti degli Uffici periferici dell’assessorato, in persona dei direttori dei Servizi Turistici Regionali e delle omologhe Unità Operative, dislocate in tutta l’Isola. In rappresentanza del comprensorio taorminese è intervenuto il dott. Antonio Allegra, responsabile dell’Ufficio di Giardini Naxos facente parte del Servizio di Taormina, il quale ha sottoposto all’assessore le più disparate problematiche che impediscono a queste strutture territoriali di espletare in modo ottimale le proprie competenze istituzionali. Prima fra tutte la quasi assoluta carenza di risorse economiche, considerato che nel giro di due esercizi finanziari il contributo per spese di funzionamento erogato annualmente dalla Regione è stato più che dimezzato, provocando serie difficoltà al funzionamento della macchina burocratica, che, solo grazie allo spirito di abnegazione ed ai sacrifici (anche economici) del personale è stata ed è in grado di offrire servizi di qualità all’utenza turistica, sia quella alloggiata in esercizi ricettivi che a quella massa di visitatori cosiddetti “escursionistici” che affollano quotidianamente gli uffici informazione. "Tuttavia - ha spiegato il dott. Allegra – nonostante la grave carenza di risorse, anche solo per stampare e diffondere brochures e dépliants, strumento di lavoro indispensabile, che attualmente sono sostituiti da materiale pubblicitario messo a disposizione da associazioni di imprenditori ed altri attori del turismo locale, il polo turistico Taormina-Giardini Naxos ha conseguito nei primi 10 mesi dell’anno un lusinghiero risultato, totalizzando ben 1.755.709 presenze, con un incremento medio del 5,07% rispetto a tutto il 2012, dando così ampia prova dell’appetibilità e della competitività della nostra offerta turistica. Ciò in palese controtendenza alla situazione di grave crisi che affligge tutta l’economia e che non ha risparmiato gli altri Stati Europei, donde proviene la tradizionale clientela straniera: il comparto turistico locale, unico settore produttivo in attivo, almeno in Sicilia, ha registrato addirittura un considerevole rilancio, più consistente per quanto riguarda il movimento estero, ma anche gli italiani (è noto che la crisi ha colpito maggiormente l’Italia rispetto ad altri stati europei) hanno dato incoraggianti segnali positivi, visto che sono in netta ascesa. Pur in mancanza di una seria progettualità di sviluppo del settore – ha proseguito Allegra – tale comparto continua ad espletare un ruolo strategico per tutta l’economia, dimostrando ancora una volta, specie nella nostra zona, di essere e di dover essere considerato dalle istituzioni il volano di tutta l’attività economica, ove si consideri che migliaia di famiglie traggono reddito e sostentamento dall’attività turistica, e non solo limitatamente alle strutture ricettive e commerciali in genere, ma anche dal cosiddetto “indotto economico” che gravita attorno a queste attività".
L’assessore Stancheris ha ascoltato con interesse ed attenzione quanto rappresentato dal dott. Allegra, prendendo atto pubblicamente, anzitutto, della necessità di un intervento più incisivo e massiccio, non solo sotto il profilo finanziario, a supporto e sostegno di queste strutture locali, che per la loro natura e ubicazione sono investiti quotidianamente dell’arduo compito di dare immediate e soddisfacenti risposte alla numerosissima clientela turistica soggiornante o in visita nelle nostre località.

Più informazioni: servizio turistico regionale  turismo  taormina  giardini naxos  antonio allegra  


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.