Mercoledì 20 Febbraio 2019
La passione del santateresino Santino Scarcella per le opere in miniatura


"Vi racconto come ho realizzato l'abbazia" - VIDEO

di Gianluca Santisi | 08/06/2014 | ATTUALITÀ

4464 Lettori unici | Commenti 15

Santino Scarcella con l'abbazia in miniatura

Trentamila mattoncini realizzati a mano, 900 ore di lavoro. Due dati su tutti che fanno subito comprendere la portata dell'impresa: realizzare in scala 1:25 una fedelissima riproduzione dell'abbazia arabo-normanna dei Santi Pietro e Paolo d'Agrò, monumento di straordinaria bellezza che sorge nel territorio di Casalvecchio Siculo. Il simbolo dell'intera vallata dell'Agrò. A portare a compimento questo autentico gioiello in miniatura è il geometra Santino Scarcella, dipendente della Prefettura di Messina che nel tempo libero ama cimentarsi nel modellismo edile.
“Ho iniziato circa 10 anni fa – ci racconta - quando mia moglie, sapendo delle mie doti di amante del costruire, mi chiese di costruire un presepe. Le intenzioni erano di realizzarlo in compensato e rifinirlo con malta colorata a base di argilla. Caparbiamente, invece, volli provare a rifinirlo con la pietra e ci riuscii con buoni risultati. Da allora mi sono sbizzarrito con la realizzazione di villette in pietra lavica, pietra locale, pietra bianca di Siracusa”. Due anni fa l'idea di tentare un'impresa che sulla carta sembrava impossibile. “Sì – continua Scarcella - “impossibile” è proprio quello che risposi ad un mio amico, il quale, mentre parlavamo della splendida abbazia arabo-normanna di Casalvecchio, mi propose di realizzarla in miniatura. Ero ben conscio delle difficoltà che sarebbero venute fuori. Poi, quella stessa estate, dopo il grande successo ottenuto dalla mostra dei miei lavori durante la “Notte Bianca” tenutasi a Santa Teresa di Riva e gli incoraggiamenti dell'architetto Salvatore Coglitore, decisi di far sì che quella folle idea si tramutasse in realtà”. Ma c'è anche un aspetto sentimentale che lega il geometra Scarcella all'abbazia. “Doveva essere il luogo in cui io e mia moglie avremmo voluto sposarci - prosegue - ma non ci è stato consentito. Ad ogni modo, mi sono messo al lavoro sapendo che non sarebbe stato per niente facile anche perché non ero in possesso di alcun progetto, tranne che di una pianta ed una sezione trovate per caso su internet. Un altro problema era quello reperire i materiali da utilizzare e soprattutto facilmente lavorabili”. Trovare la pietra lavica è stato facile, così come anche l'ardesia. Le difficoltà maggiori erano altre: come realizzare i mattoni? E dove reperire la pietra bianca? “Per i mattoni mi venne l'idea del das color terracotta, per la pietra bianca invece fu più complicato: l'unica idonea e lavorabile era la pietra di Lecce. Ma non sapevo come fare per averla. Per fortuna, un amico, tornato da una gita in Puglia, mi fece la gradita sorpresa di portarmi la pietra tanto desiderata”.
E così, mattone dopo mattone, l'abbazia in miniatura ha preso forma. Prima i prospetti, poi l'abside, infine le cupole. Con una cura maniacale per i dettagli, fedelmente riprodotti. C'è voluto quasi un anno e mezzo di duro lavoro, dall'ottobre del 2012 al febbraio scorso. “Garantisco che non è stata una passeggiata – commenta davanti al suo capolavoro il geometra Scarcella - e senza la regola delle “4 P”, passione, precisione, pignoleria e pazienza, non avrei raggiunto questo risultato”.
La presentazione ufficiale dell'opera, secondo i programmi, dovrebbe avvenire nel corso dell'estate, ma intanto amici e conoscenti fanno la spola con l'abitazione di Santino Scarcella per ammirarla in anteprima. C'è qualche altra impresa in cantiere? “Per il momento assolutamente no - scherza l'artista - lo shock della fatica è ancora vivo! Poi, se si riaccenderà la scintilla...”.

 

Il video della miniatura realizzata da Santino Scarcella (riprese di Salvatore Coglitore)

Più informazioni: abbazia santi pietro e paolo agrò  santino scarcella  


COMMENTI

Giovanni Bonfiglio | il 10/06/2014 alle 15:05:09

Carissimo Santino, hai un talento straordinario! Hai ricreato in miniatura l'abbazia dei Santi Pietro e Paolo, opera d'arte di grande valore artistico della nostra valle d'Agrò.Ti esprimo i miei più sinceri e calorosi complimenti nell'attesa di potere vedere da vicino questa tua meravigliosa Opera d'Arte. Un Affettuoso abbraccio. Giovanni

Santino Scarcella | il 10/06/2014 alle 20:16:40

Grazie tante Assessore. Cerco di fare del mio meglio, nonostante anche per me l'età avanza. Ma per tenersi giovani bisogna spaziare a tutto campo, come d'altronde fa Lei magnificamente. Avrò il piacere di riceverLa in anteprima a casa mia per ammirare con tranquillità la mia piccola creatura. Un abbraccio

Giuseppe Moschella | il 11/06/2014 alle 07:39:10

Ottima esecuzione!!!! L'ho già verificata con le foto. E' identica all'originale!! Grande artista. Quando potrei vederla?

Pippo Garufi | il 12/06/2014 alle 09:09:57

Straordinario! Incredibile! Ma come ha fatto? Non ci sono parole!!! Una grande testimonianza dell'arte della nostra riviera. Complimenti.

Giuseppe Savoca | il 14/06/2014 alle 13:35:58

Non posso crederci. Sarà un fotomontaggio? Non vedo l'ora di osservarla dal vivo. Quando sarà la presentazione? Comunque, complimenti vivissimi.

mimma intelisano | il 16/06/2014 alle 13:24:40

io personalmente ritengo che l'opera in se stessa è di grande pregio artistico e si denota una professionalità notevole. complimenti.

Agnieszka Ponichtera | il 17/06/2014 alle 18:55:02

Complimenti.Un gran bel lavoro.

onofrio moschella | il 17/06/2014 alle 19:09:44

Veramente bellissima!Identica all'originale.Complimenti sei bravissimo!

Angela Carbone | il 17/06/2014 alle 19:12:22

La tua miniatura dell'abbazia dei Santi Pietro e Paolo di Valle D'Agrò è bellissima proprio come l'originale! Complimenti

Morgana Lombardo | il 17/06/2014 alle 19:24:02

L'impegno che hai messo ti ha ripagato realizzando una vera e unica opera d'arte.. complimenti Santino:)

Gianmario Rando | il 17/06/2014 alle 19:25:00

Opera d'arte di altissimo livello..lavoro fine, elegante e minuzioso. Non è facile descrivere a parole una siffatta bellezza. Complimenti al mio caro amico Santino.

Maria pinto | il 17/06/2014 alle 20:36:10

Complimenti! Oltre a essere ben fatta corrisponde all'originale in tutte le sue parti.

Marina Scimone | il 17/06/2014 alle 20:41:39

Complimenti per l'opera realizzata, frutto di pazienza ed amore per il proprio territorio. Meriterebbe di essere esposta, affinché il maggior numero di persone possibili possano avere il piacere di vederla ed apprezzarla.

Emanuela Sturiale | il 17/06/2014 alle 20:42:43

davvero un'opera spettacolare da cui trapela non solo l'altissima competenza nell'esecuzione, ma anche la volontà di far conoscere un monumento così significativo e unico nel suo genere a cui purtroppo non viene data la giusta importanza. Complimenti Santino!!!!

Dana Zatanga | il 19/06/2014 alle 23:19:24

Complimenti!!! Passione, pazienza e talento, un opera d'arte meravigliosa! I complimenti vanno anche alla sua famiglia x il sostegno, non deve essere stato facile!!!

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.