Lunedì 24 Giugno 2019
La scuola di Barracca premiata per un provvedimento contro l'uso della plastica


'Vorrei una legge che...', gli studenti di S. Teresa vincono il concorso del Senato

di Andrea Rifatto | 07/06/2019 | ATTUALITÀ

682 Lettori unici

Studenti e insegnanti davanti il Senato

Un disegno di legge contro l’utilizzo della plastica è valso agli studenti della scuola Primaria di Barracca di S. Teresa di Riva la vittoria all’undicesima edizione del concorso nazionale “Vorrei una legge che...", bandito dal Senato della Repubblica in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione per avvicinare i piccoli cittadini italiani alle istituzioni, promuovendo il loro senso civico. Un progetto iniziato a novembre dai piccoli alunni, che hanno accolto con entusiasmo l'invito a partecipare giunto dal dirigente scolastico reggente Carmela Maria Lipari e della vicaria Maria Concetta Muscolino, con la redazione del disegno di legge “Compatti contro la plastica”, ispirati anche dall’Amministrazione comunale attraverso gli incontri informativi nelle scuole sulla raccolta differenziata e le politiche ambientali. La quinta Primaria del plesso “Lucia Amato” di Barracca si è aggiudicata il premio insieme ad altre undici scuole italiane. La cerimonia di premiazione si è svolta nell'Aula del Senato con la presidente Maria Elisabetta Alberti Casellati, che ha preso visione degli elaborati esposti nella mostra ed ha incontrato, per ciascun progetto, i piccoli legislatori autori del lavoro premiato che le hanno brevemente illustrato l'elaborato ed il percorso svolto dalla classe per giungere alla sua realizzazione La presidente ha consegnato una targa a ciascuna scuola vincitrice e i bambini che hanno ritirato il premio le hanno donato alcuni una foto della loro classe e altri una cartolina del loro territorio leggendo in Aula una frase a lei dedicata.

Da S. Teresa sono volati nella capitale gli studenti con le insegnanti Tina Bonura, Letteria Cilla, Stefania Oliva e la vicaria Maria Concetta Muscolino, che hanno ringraziato l’Amministrazione comunale per aver ispirato la tematica, la dirigente Venera Munafò per aver sostenuto l’iniziativa nella parte finale, i colleghi del plesso di Barracca per l’incoraggiamento e i consigli e soprattutto i bambini che con fantasia, ma anche senso di realtà, hanno lavorato per migliorare sé stessi. “Sono molto orgogliosa del riconoscimento che gli alunni hanno ricevuto, segno di una particolare sensibilità al rispetto della natura – ha commentato l’assessore alla Pubblica Istruzione, Annalisa Miano – segno, altresì, che la nostra azione quotidiana volta a tutelare l'ambiente che ci circonda porta i suoi frutti. Questo risultato ci fa ben sperare nel senso civico delle nuove generazioni, un plauso ai nostri bambini ed ai nostri docenti”.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.