Venerdì 28 Febbraio 2020
I rappresentanti dell'Arma hanno spiegato ai giovani il fenomeno e le sue conseguenze


Bullismo, studenti di Letojanni e Gallodoro a lezione con i Carabinieri

24/03/2016 | ATTUALITA

1755 Lettori unici

Zarrillo, Fleres e Filippo con una studente

“Il bullismo” è stato il tema dell’incontro svoltosi a Letojanni lunedì mattina a cui hanno partecipato gli allievi della scuola primaria di Letojanni e Gallodoro e della scuola secondaria di primo grado di Letojanni, facenti parte dell’Istituto comprensivo “Ugo Foscolo” di Taormina, diretto da Carla Santoro. L’iniziativa è stata promossa nell’ambito della giornata sul bullismo istituita dall’Osservatorio scolastico regionale che ha invitato le scuole dell’isola ad organizzare eventi, conferenze e quant’altro al fine di sensibilizzare gli studenti sull’importante argomento. La scuola letojannese ha risposto promuovendo una conferenza sul tema del bullismo, a cui sono stati invitati a partecipare il comandante della Compagnia dei Carabinieri di Taormina, capitano Francesco Filippo ed il comandante della locale stazione, Tony Zarrillo, insediatosi di recente. A fare gli onori di casa è stata Liliana Fleres, responsabile del plesso letojannese, che ha motivato il perché di questo incontro e le finalità che mirano a far capire ai ragazzi quanto sia necessario il rispetto delle regole e degli altri con atteggiamenti consoni. Nel corso dell’incontro, il capitano Filippo con un linguaggio semplice ed appropriato ha coinvolto dapprima gli alunni delle scuole Elementari ed in un secondo momento quelli delle Medie spiegando loro il significato della parola “bullismo” e le conseguenze, spesso gravi, che questo fenomeno, sempre più in espansione tra i più giovani può avere. Poi ha focalizzato l’attenzione sulle figure principali che fanno parte del contesto che lo caratterizzano ovvero il bullo, il suo difensore, la vittima e gli spettatori ed ancora ha esposto i diversi tipi di bullismo fisico, verbale e comportamentale. Infine, ha spiegato quanto il fenomeno del bullismo, seppure esista da tanto tempo, sia in esponenziale crescita soprattutto a causa della diffusione delle notizie in rete e degli strumenti ad essa collegati. Quindi, ha avuto luogo una proiezione in cui è stata narrata la storia dell’Arma dei Carabinieri e sono stati mostrati i vari settori in cui sono i militari sono impegnati quotidianamente.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.