Venerdì 24 Gennaio 2020
Modificata l’ordinanza che limitava la circolazione ai mezzi fino a 3,5 tonnellate


Crollo Sp 23 S. Teresa-Misserio, via libera al transito dello scuolabus

di Andrea Rifatto | 28/10/2015 | ATTUALITA

1074 Lettori unici

Il tratto della Sp 23 crollato per il maltempo

Ritorna alla normalità il servizio di trasporto scolastico da e per le frazioni santateresine di Misserio e Fautarì. Lo stop allo scuolabus comunale era stato indiretta conseguenza del maltempo che ha colpito la zona jonica lo scorso 10 ottobre: in quell’occasione la piena del torrente Savoca aveva provocato il crollo di un muro d’argine e di una porzione al km 4,00 della Strada provinciale 23, che dal centro di S. Teresa conduce alle frazioni collinari. Dopo il ripristino della circolazione, la Città metropolitana di Messina (ex Provincia regionale) aveva disposto con l’ordinanza numero 52 firmata il 12 ottobre il senso unico alternato sull’arteria al km 4 e limitazione al transito dei mezzi di massa a pieno carico superiore a 3,5 t. Limite superato anche dallo scuolabus comunale, che dunque non aveva potuto più raggiungere le frazioni a monte. Nei giorni scorsi, considerato l’avvio dei primi interventi finalizzati alla parziale deviazione del flusso idrico lungo il torrente, con la formazione di argini in terra e la collocazione di alcuni massi in pietra lungo la sponda destra, visto inoltre che lungo la zone dove insiste la frana è ancora esistente il vecchio muro che sostiene la sede stradale avente larghezza ridotta, l’ing. Celi ha firmato un’ordinanza (numero 62) che modifica il precedente provvedimento confermando il mantenimento del senso unico alternato al km 4 della Sp 23 ma innalzando a 12 tonnellate il limite per il transito dei mezzi di massa a pieno carico. Ciò consentirà nuovamente il passaggio dello scuolabus comunale.

Per assicurare la continuità del servizio, la cui interruzione avrebbe provocato alle famiglie e agli alunni notevole disagio, la Giunta del sindaco Cateno De Luca il 21 ottobre aveva deciso di reperire altri mezzi idonei affidandosi a ditte private. Per fronteggiare la spesa erano stati stanziati 31mila euro (17mila 500 prelevati dal Fondo di riserva) e con determine dirigenziali della 1ª Direzione, 4Servizio Pubblica istruzione, era stato affidato a due imprese del posto il servizio di trasporto. Nel primo caso solo per l’andata con partenza da Misserio per gli alunni dell’Istituto Comprensivo, con una spesa di 10mila 890 euro: il secondo provvedimento riguardava invece il trasporto all’orario di entrata e di uscita per gli studenti della altre scuole cittadine, con un mezzo di trasporto monovolume 9 posti per il quale erano stati stanziati 19mila 800 euro. Somme che in larga parte non verranno impegnate, in quanto le due determine specificavano che il servizio sarebbe stato affidato per un periodo temporaneo, cioè sino al ripristino della circolazione ai mezzi di massa superiore a 3,5 tonnellate.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.