Martedì 17 Settembre 2019
La Polizia metropolitana scopre lastre all'interno e nei dintorni di un rudere


Amianto abbandonato in un terreno di Sant'Alessio: scatta il sequestro - FOTO

20/12/2018 | CRONACA

741 Lettori unici

Le lastre abbandonate nella struttura

Continua l'attività della Polizia metropolitana volta al controllo dell'intero territorio per la prevenzione e repressione dei reati ambientali. Nel corso di una dettagliata perlustrazione operata ieri nel territorio di Sant'Alessio Siculo, a monte della Strada provinciale 16 al confine con Forza d'Agrò, gli agenti guidati dal comandante Antonino Triolo hanno individuato un vero e proprio deposito di amianto abbandonato in un terreno e all’interno e nei dintorni di un struttura in muratura, dove sono state ritrovate numerose lastre in cemento-amianto in parte crollate dalla copertura. Del ritrovamento è stata data comunicazione alla Procura della Repubblica e si attende la convalida del sequestro. Di conseguenza sono scattate le indagini per risalire ai proprietari dell'area ed individuare i responsabili del reato. Per smaltire l'amianto individuato serviranno almeno 30mila euro. “Il fenomeno dello smaltimento abusivo sta assumendo proporzioni di notevole rilevanza e rappresenta fonte di rischio per la salute, soprattutto per via delle polveri d’amianto che, trasportate dal vento, vanno a depositarsi sulle colture dei campi circostanti inquinando il terreno e le falde acquifere – evidenzia il comandante Triolo – e l’abbandono dei rifiuti non è solo un atto di totale mancanza di rispetto delle normative ambientali ma, spesso, è opera di una strategia malavitosa volta ad eludere i costi ed i controlli dello smaltimento, soprattutto quando si tratta di rifiuti pericolosi per la salute dell'uomo”.



COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.