Mercoledì 13 Novembre 2019
Operazione tra Jonio e Tirreno contro la caccia di frodo. Proseguono i controlli


Antibracconaggio, la Polizia metropolitana sequestra attrezzature

25/10/2017 | CRONACA

1828 Lettori unici

Parte dell'attrezzatura sequestrata e il comandante Triolo

Si è conclusa con il sequestro di quattro apparati acustici utilizzati per la caccia di frodo alle quaglie l'operazione antibracconaggio condotta dal comandante della Polizia metropolitana di Messina, Antonino Triolo, e dagli agenti delle sezioni venatorie della fascia tirrenica e jonica. L'operazione, che già nei mesi scorsi ha portato al sequestro di materiale utilizzato per la cattura illegale di selvaggina lungo la dorsale dei Peloritani tra il territorio jonico e quello tirrenico e si inserisce nella costante azione di controllo del territorio della Polizia metropolitana finalizzata alla prevenzione e repressione di qualsiasi attività illegale contro la fauna stanziale o migratoria. In particolare, la caccia alle quaglie selvatiche, specie migratoria in forte diminuzione e inserita nella lista delle specie a rischio, così come quella condotta nei confronti delle altre specie presenti sul territorio, è severamente proibita se praticata con mezzi non consentiti, quali sono i richiami elettroacustici, o se l'attività venatoria è esercitata in periodo di divieto. “Questa ennesima operazione conferma come la Polizia metropolitana stia combattendo con decisione le illegalità in ambito venatorio – ha dichiarato il comandante Triolo – e il nostro impegno sarà costantemente rivolto alla prevenzione di tutte quelle attività che violano le norme che regolano il settore della caccia nell'intero territorio provinciale”. Tutta l’attrezzatura ritrovata è stata sottoposta a sequestro penale e sarà messa a disposizione dell’Autorità giudiziaria per gli accertamenti previsti dalla legge.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.