Lunedì 19 Agosto 2019
Scoperti numerosi suini e bovini senza tracciabilità. Proseguono le indagini


Blitz di Finanza e Asp in un caseificio di Letojanni: sequestrati 61 animali

di Andrea Rifatto | 24/04/2019 | CRONACA

3732 Lettori unici

Il caseificio sottoposto a controlli

Blitz di Guardia di Finanza e Asp giovedì scorso in un caseificio di Letojanni. I militari del Nucleo Mobile della Compagnia di Taormina e il personale del Dipartimento di Prevenzione Veterinaria del Distretto di Taormina hanno proceduto al controllo del “Caseificio Rosario” di Mario Lo Monaco, situato in contrada Praia, a ridosso della Provinciale 13 che conduce a Mongiuffi Melia, riscontrando alcune irregolarità che hanno poi portato al sequestro di 61 capi di bestiame. La verifica è scattata nell’ambito di un’indagine partita lo scorso anno e tuttora in corso, coordinata dal sostituto procuratore Antonio Carchietti, e ha visto i finanzieri, un veterinario e un tecnico dell'Asp procedere al controllo di tutte le strutture esistenti nell’area, dove oltre all’immobile adibito a caseificio, è stato individuato un altro manufatto in cemento adibito alla degustazione dei prodotti tipici dall’azienda ed è poi stata scoperta la presenza di altre strutture fatiscenti in ferro, con copertura in lamiera, utilizzate come stalle e recinti per l’allevamento di animali da reddito. Relativamente all’attività casearia non sono emerse irregolarità, visto il possesso delle autorizzazioni e dei requisiti igienico-sanitari, mentre sono stati trovati 110 animali tra suini, bovini e ovicaprini da produzione di latte e carne, tra cui 31 suini adulti (tre scrofe e un verro) senza nessuna identificazione e tracciabilità, 28 suini piccoli, con età inferiore ai 50 giorni, figli dei suini produttori e non tracciabili; senza identificazione e tracciabilità vi erano anche due bovini femmine di circa nove mesi, mentre altri quattro caprini e cinque ovini sotto età sono risultati non identificabili. In considerazione della loro non tracciabilità, 61 capi sono stati quindi sottoposti a sequestro per lo svolgimento di ulteriori indagini sanitarie dall’Asp, in attesa delle disposizioni da parte del magistrato. Gli animali sono stati lasciati in custodia a Lo Monaco al fine di permettere al personale Asp di apporre le marche sanitarie sui 31 suini adulti e ieri il sindaco Alessandro Costa ha firmato l’ordinanza di conferma del sequestro sanitario cautelativo su proposta del dirigente veterinario, dottor Francesco Briguglio. Per i 31 suini adulti Mario Lo Monaco ha dichiarato alla Finanza e all’Asp che gli stessi appartenevano al padre deceduto a marzo e di averne a suo tempo dato comunicazione della loro presenza al dottor Carmelo Bevacqua (altro dirigente veterinario dell’Asp di Taormina) che gli aveva detto che bisognava provvedere alla successione.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.