Mercoledì 24 Aprile 2019
Domiciliari dopo la denuncia della donna. La coppia conviveva prima a S. Teresa


Botte e insulti alla compagna, arrestato un 34enne a Savoca

di Andrea Rifatto | 10/11/2018 | CRONACA

1790 Lettori unici

Indagini rapide dei Carabinieri

Da oltre un anno la picchiava e umiliava, in casa e fuori, aggredendola verbalmente e fisicamente. Fin quando, dopo l’ultimo attacco avvenuto sul lungomare di S. Teresa nei giorni scorsi, lei ha detto basta. E si è rivolta alla Stazione Carabinieri di Sant'Alessio per sporgere denuncia, raccontando tutte le angherie subite. Protagonista in negativo dell’ennesimo caso di violenza sulle donne è una 47enne originaria dell’Abruzzo, che conviveva da due anni con un 34enne. I due, come raccontato dalla vittima, si erano stabiliti prima a S. Teresa e poi trasferiti a Savoca, ma poco dopo l’inizio della relazione per lei è iniziato l’incubo, con continui episodi di violenza, perfino con il lancio di oggetti nei suoi confronti. La sua storia è stata raccolta dal comandante della Stazione, il luogotenente Vito Calì, che ha avviato le indagini con i suoi militari sotto il coordinamento della Compagnia Carabinieri di Taormina, guidata dal capitano Arcangelo Maiello e della Procura della Repubblica di Messina. Il magistrato, appurati i fatti, ha emesso nei confronti del compagno violento un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari per il reato di maltrattamenti contro conviventi, aggravato dalle lesioni subite dalla donna, costretta più volte a ricorrere alla cure al Policlinico di Messina, anche dopo l’ultima aggressione che l’ha spinta a rivolgersi ai Carabinieri. La 47enne, che non ha figli da precedenti relazioni, si trova adesso in un domicilio protetto; il compagno violento agli arresti nella casa di Savoca. 


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.