Domenica 17 Novembre 2019
In manette anche il presidente della Commissione Tributaria e altre tre persone


Catania, corruzione in atti giudiziari: arrestato l'imprenditore Virlinzi

08/02/2016 | CRONACA

1456 Lettori unici

Nella giornata di oggi, nell’ambito di una complessa indagine, denominata “Tax Free”, coordinata dalla Procura della Repubblica etnea, gli uomini del Comando provinciale della Guardia di Finanza di Catania, sulla base di un’ordinanza emessa dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Catania, hanno tratto in arresto cinque persone per il reato di corruzione in atti giudiziari, tra i quali il presidente della VIII Sezione della Commissione Tributaria Provinciale di Catania, Filippo Impallomeni, e l’imprenditore Giuseppe Virlinzi. Al quinto indagato è stato invece contestato il favoreggiamento aggravato.

Secondo l’accusa Impallomeni avrebbe emesso nel tempo diverse sentenze favorevoli nei confronti delle società appartenenti al gruppo imprenditoriale “Virlinzi” ricevendo , quale corrispettivo, la disponibilità di diverse autovetture almeno sin dall’anno 2010. Di analoghe accuse dovranno rispondere anche l’imprenditore Giuseppe Virlinzi, lo “storico” commercialista della “Virauto Spa” Giovanni La Rocca, e il direttore commerciale della stessa società, Agostino Micalizio. I quattro sono stati condotti presso la Casa circondariale di Piazza Lanza, a disposizione dell’autorità giudiziaria. È stata inoltre disposta la misura cautelare degli arresti domiciliari nei confronti del cancelliere della Commissione tributaria provinciale di Catania, Antonino Toscano, al quale è contestato il reato di favoreggiamento personale.

Le indagini della Guardia di Finanza
L’attività, svolta dal Gico del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Catania nell’ambito di un’articolata indagine coordinata dalla Procura della Repubblica etnea, ha fatto emergere l’esistenza di un consolidato accordo criminoso tra gli indagati, protrattosi nel tempo e volto ad assicurare sentenze favorevoli al gruppo imprenditoriale in relazione a ricorsi dallo stesso proposti innanzi alla Commissione Tributaria provinciale di Catania. Decisivo, in tale contesto, il ruolo del giudice Impallomeni, il quale, attraverso costanti contatti con il commercialista La Rocca e rivestendo sempre il ruolo di presidente-relatore ed estensore delle relative sentenze , provvedeva a redigere sentenze di accoglimento dei ricorsi presentati dalle società, garantendo in tal modo l’annullamento di accertamenti fiscali di rilevante ammontare. Di particolare rilievo una sentenza che, nel merito, è stata ritenuta del tutto illegittima in quanto basata su presupposti falsi, mentre in altri casi le sentenze di accoglimento dei ricorsi riconducibili al gruppo Virlinzi sono state emesse in tempi ristrettissimi. A fronte di tale “disponibilità”, il gruppo imprenditoriale assicurava nel tempo al giudice la messa a disposizione gratuita di diverse autovetture, per le quali la concessionaria della famiglia Virlinzi si accollava anche tutti i costi di manutenzione, assicurazione, ivi compresi quelli di riparazione in caso di guasti e incidenti. Gli accertamenti volti ad acquisire la documentazione relativa alle predette autovetture hanno fatto emergere l’inesistenza di titoli giustificativi dell’uso delle stesse da parte del giudice. Nonostante ciò, su una delle due autovetture intestate alla concessionaria, il giudice Impallomeni aveva anche apposto un adesivo riportante lo stemma “magistratura tributaria”. La stessa concessionaria è stata utilizzata dal giudice anche per riparare l’autovettura della moglie, con spese, anche in questo caso, a carico del gruppo.

I tentativi di depistaggio del giudice Impallomeni
Nel corso delle indagini, dopo l’effettuazione di alcune acquisizioni documentali presso la Commissione Tributaria, sono stati accertati anche gravi condotte volte a depistare le indagini da parte del giudice. Particolarmente significativo è stato il tentativo posto in essere dal giudice, con la complicità del cancelliere Toscano, di recuperare da un ufficio della Commissione Tributaria una sentenza favorevole emessa e depositata nel luglio 2015 sempre nei confronti di un società del gruppo Virlinzi. L’intenzione era quella di sostituire alla sentenza di accoglimento del ricorso presentato dalla società una sentenza di condanna, al fine di “smontare” l’eventuale impianto accusatorio, posto che l’acquisizione di diverse sentenze riconducibili anche al gruppo Vilrinzi presso la Commissione provinciale da parte della Guardia di Finanza aveva ingenerato allarme nello stesso. Tale tentativo, tuttavia, non è andato a buon fine, poiché la decisione era già stata depositata e registrata e, pertanto, i predetti si vedevano costretti a desistere dall’ulteriore azione criminosa. 

Le immagini delle intercettazioni e degli arresti


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.