Lunedì 27 Maggio 2019
Segnalati anche quattro consumatori di stupefacenti. Impegnati 20 militari


Controlli dei Cc, un arresto e tre denunce tra Taormina e Sant’Alessio

29/03/2017 | CRONACA

2861 Lettori unici

I Carabinieri della Compagnia di Taormina, nell’ambito dei servizi straordinari del controllo del territorio, tesi a prevenire i reati di genere e soprattutto quelli contro il patrimonio e gli stupefacenti, hanno effettuato un arresto e tre denunce, segnalandone inoltre quattro persone alla Prefettura. A Taormina è finito in manette un 36enne di Messina per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente del tipo cocaina. L’uomo, che già da tempo era attenzionato dai militari dell’Arma in seguito all’ennesimo servizio di osservazione, pedinamento e controllo, è stato fermato e sottoposto a perquisizione personale, veicolare e domiciliare. Durante le operazioni i carabinieri hanno rinvenuto due sacchetti contenenti cocaina purissima del peso di 16 grammi circa, che nonostante fossero ben celati non sono sfuggiti ai controlli. Oltre la sostanza stupefacente è stato rinvenuto un bilancino di precisione e diverse banconote dello stesso taglio frutto dell’attività illecita dell’uomo.

A Sant’Alessio Siculo è stato deferito in stato di libertà un 44enne del posto, già noto alle forze dell’ordine e sottoposto alla misura alternativa dell’affidamento ai servizi sociali, poiché durante il controllo si rendeva responsabile della violazione e delle prescrizioni disposte dall’Ufficio di sorveglianza di Catania. A Taormina è stato poi deferito in stato di libertà un 34enne della Locride, responsabile del reato di truffa e falsità in titoli. Nell’ambito dell’operazione sono stati segnalati al prefetto di Messina, quali assuntori di sostanza stupefacente, quattro giovanissimi, di Taormina, Palermo e Giardini Naxos, poiché trovati in possesso di varie sostanze stupefacenti per uso personale. Un 61enne è stato inoltre deferito in stato di libertà per guida in stato d’ebbrezza. I controlli si sono concentrati all’uscita dei locali notturni della Perla dello Jonio con l’utilizzo dell’apparato in dotazione all’Arma dei carabinieri. La massiccia operazione posta in essere dagli uomini dell’Arma ha visto impiegati 20 militari, cinque autovetture del Nucleo Radiomobile della Compagnia, due vetture del Nucleo Operativo e diverse vetture delle varie stazioni disseminate su tutto il territorio di competenza.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.