Martedì 22 Ottobre 2019
Intervento notturno di quattro pattuglie dell'Arma. In carcere due georgiani


Furci Siculo, in auto con refurtiva si scagliano contro i Cc: arrestati due uomini

di Andrea Rifatto | 13/10/2016 | CRONACA

2975 Lettori unici

Janashia Pridon e Nika Gvantseladze sono stati ristretti in carcere

Serata movimentata quella di ieri per i carabinieri della Compagnia di Taormina. Poco prima delle 22.30 un militare libero dal servizio ha segnalato alla centrale operativa la presenza di un’auto sospetta che viaggiava a zig zag compiendo manovre pericolose in via Pirandello a Furci Siculo. Sul posto è giunta una pattuglia della Stazione di S. Teresa di Riva, che ha intercettato il veicolo all’angolo con la via IV Novembre: il conducente del mezzo, alla vista dei militari, ha però cercato di speronare la gazzella ma è stato bloccato insieme al passeggero. Scesi dall’auto, entrambi in evidente stato di ubriachezza, hanno iniziato a inveire contro i carabinieri con sputi e spintoni, rifiutandosi di esibire i documenti. Vista la situazione, gli uomini dell’Arma hanno richiesto rinforzi e in pochi minuti sono giunte a Furci Siculo due pattuglie provenienti dalle stazioni di Sant’Alessio Siculo e Letojanni e una gazzella del Nucleo Operativo Radiomobile. I carabinieri, dopo aver bloccato i due uomini, hanno perquisito l’auto sulla quale viaggiavano trovando all’interno un ingente quantità di materiale tecnologico, come smartphone, tablet e computer, oltre a profumi, bottiglie di liquori e diversi paia di occhiali da sole e da vista, merce ritenuta di provenienza furtiva. I due, successivamente identificati in Janashia Pridon, 42 anni, e Nika Gvantseladze, 27 anni, entrambi pregiudicati di nazionalità georgiana residenti a Reggio Calabria, sono stati quindi tratti in arresto e condotti in caserma a S. Teresa. Uno degli arrestati, una volta salito sul mezzo dei carabinieri, ha sferrato una testata mandando in frantumi il finestrino dello sportello posteriore sinistro. Il conducente è stato inoltre trovato in possesso di un involucro con 50 grammi di marijuana, circostanza che ha fatto scattare per entrambi la segnalazione alla Prefettura di Messina.

I carabinieri ritengono si tratti di professionisti specializzati nei furti, in quanto il materiale ritrovato era contenuto in una borsa schermata capace di sfuggire ai controlli antitaccheggio presenti nei centri commerciali e nei grandi negozi di telefonia: nell’auto è stato inoltre rinvenuto anche un attrezzo utilizzato per rimuovere dalle confezioni il sistema antitaccheggio. Dopo le formalità di rito, sono stati arrestati per i reati di ricettazione, resistenza a pubblico ufficiale, lesioni personali aggravate e danneggiamento aggravato di beni dello Stato e nei loro confronti è scattata la denuncia in stato di libertà per violenza e oltraggio a pubblico ufficiale, possesso ingiustificato di chiavi alterate, rifiuto di sottoporsi all'accertamento per la verifica dello stato di ebbrezza, rifiuto di sottoporsi agli accertamenti per guida sotto l'effetto di sostanze stupefacenti e guida senza patente. Al termine della brillante operazione condotta in sinergia dai militari della Compagnia di Taormina, guidata dal capitano Arcangelo Maiello, i due georgiani sono stati rinchiusi in camera di sicurezza e questa mattina sono stati condotti in tribunale, dove il giudice ha coinvalidato gli arresti disponendo la detenzione nel carcere di Messina Gazzi. L'auto sulla quale sono stati fermati è stata sottoposta a sequestro, così come tutta la refurtiva recuperata, in attesa di individuare il legittimo proprietario e poter procedere alla riconsegna. Uno dei carabinieri intervenuti, nella colluttazione precedente all'arresto dei due, ha riportato un trauma distorsivo al polso sinistro, giudicato guaribile in diversi giorni salvo complicazioni.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.