Giovedì 22 Agosto 2019
Dopo l'ennesimo episodio di violenza sulla compagna. Nella notte anche il furto del bancomat


Gaggi. Arrestato un 34enne per maltrattamenti e lesioni

22/01/2015 | CRONACA

1176 Lettori unici

Il coltello sequestrato dai carabinieri

I carabinieri della stazione di Graniti, al comando del maresciallo Testa, hanno arrestato nel comune di Gaggi un 34enne del posto con l’accusa maltrattamenti in famiglia, minacce e lesioni. Ad allertare i militari una telefonata giunta martedì sera alla centrale operativa della Compagnia di Taormina, dove una donna denunciava di aver subito un’aggressione da parte del convivente. La relazione tra i due, infatti, era stata contrassegnata anche in passato da ripetute condotte violente da parte dell’uomo, che in occasione dell’ultimo episodio violento ha anche impugnato un coltello minacciandola insieme alla madre. La donna, nel tentativo di disarmare il compagno, ha anche rimediato una lieve ferita alla mano.  I carabinieri, a cui era già noti gli attriti tra i due, hanno raggiunto l’abitazione, trovando la donna in evidente stato confusionale, con  evidenti arrossamenti sul collo oltre alla ferita alla mano. L’uomo era invece tranquillamente seduto sul divano, dopo aver riposto il coltello nel lavandino. La vittima ha raggiunto l’ospedale “San Vincenzo” di Taormina per le cure del caso, per recarsi poi dai carabinieri di Graniti per raccontare i particolari della vicenda. Gli uomini dell’Arma hanno voluto approfondire le indagini, scoprendo come, oltre all’ultimo episodio, già in passato vi erano state aggressioni che avevano costretto la donna a ricorrere alle cure dei medici. Dal 2009 ad oggi c’erano stati  altri quattro referti, e in un caso i sanitari avevano previsto 25 giorni di prognosi. I carabinieri hanno poi sentito parenti e conoscenti per ricostruire dettagliatamente i contorni della vicenda. L’uomo, nel corso della notte, è stato così arrestato.

Nelle stesse ore i militari della stazione di Graniti sono intervenuti sempre sul territorio di Gaggi, dove sono giunte tutte le unità disponibili anche dalla Compagnia taorminese, in seguito al furto dello sportello bancomat dalla filiale di Banca Intesa. Sono state avviate indagini a 360 gradi per l’identificazione degli autori materiali e di eventuali basisti. L’Arma auspica la massima collaborazione da parte della cittadinanza.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.