Domenica 22 Settembre 2019
Era stato ricoverato il 20 marzo a Messina e poi trasferito in Cardiochirurgia


Neonato morto all’ospedale di Taormina, indagati 13 medici del Policlinico

di Redazione | 11/04/2017 | CRONACA

2350 Lettori unici

Tredici medici in servizio al Policlinico di Messina sono stati iscritti nel registro degli indagati dalla Procura della Repubblica di Messina per la morte del neonato di un mese e mezzo deceduto il pomeriggio del 4 aprile all’ospedale “San Vincenzo” di Taormina. Il sostituto procuratore Rosanna Casabona, dopo la denuncia presentata ai carabinieri dai genitori del piccolo, aveva aperto un fascicolo e disposto l’acquisizione delle cartelle cliniche. Nell’iscrizione nel registro, atto dovuto per poter svolgere i necessari accertamenti, viene ipotizzato il reato di omicidio colposo. Il magistrato ha disposto per oggi l’esecuzione dell’autopsia sul corpo del neonato, affidata al medico legale Giovanni Andò e allo specialista neonatale Vincenzo Cimino. All’esame assisteranno anche i consulenti di parte nominati dai difensori degli indagati. Il bambino, nato a Messina il 14 febbraio, era stato ricoverato il 20 marzo nel reparto di Pediatria del Policlinico per problemi respiratori e i medici gli avevano diagnosticato una bronchiolite. In seguito ad altri accertamenti, il 24 marzo era stato spostato nel reparto di Terapia intensiva pediatrica. Il 27 marzo, in seguito a una crisi, è stato deciso il trasferimento presso la Cardiochirurgia pediatrica del nosocomio taorminese per fornire al neonato la necessaria assistenza cardiaca e polmonare. Nel pomeriggio del 4 aprile, però, mentre veniva revocata gradualmente l’assistenza a cuore e polmoni, il piccolo è deceduto improvvisamente davanti la madre che si trovava accanto per assisterlo. 


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.